Superata Samsung in Cina, l'Europa nel mirino. Xiaomi cambia la geografia degli smartphone | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Canalys

Superata Samsung in Cina, l’Europa nel mirino. Xiaomi cambia la geografia degli smartphone

di Marco Maria Lorusso

05 Ago 2014

Stando ai dati diffusi da Canalys, Xiaomi, è il primo brand di smartphone nell’ambitissimo mercato cinese. Scalzata Samsung ora è pronto lo sbarco in Europa. Viaggio al centro di un fenomeno fatto di community e Internet. Gli analisti: «Trend dirompente»

Un po’ come vuole il famoso detto, alla fine, mentre Apple e Samsung continuano a inseguirsi a suon di annunci, cause e presentazioni faraoniche, quello del terzo in comodo potrebbe essere molto più che un ruolo a sorpresa… Primo brand di smartphone nell’ambitissimo mercato cinese, una strategia fatta di community, social, servizi e e-commerce Xiaomi è una parola con la quale molti operatori faranno bene a prendere confidenza.

Mentre infatti da questa parte del mondo tutti parlano e aspettano il nuovo attesissimo iPhone 6, da Oriente arrivano notizia di una marea montante destinata a cambiare profondamente gli equilibri di uno dei mercati ormai cardine per il mondo Ict.

Stando infatti ai dati diffusi dagli analisti di Canalys, Xiaomi, (brand di telefonia nato solo 4 anni fa in Cina) per la prima volta ha battuto Samsung, in casa sua ovviamente… Con poco meno di 15 milioni di smartphone venduti, ha infatti guadagnato il 14% dell’immenso mercato cinese, mentre Samsung con 13,23 milioni si è attestata al 12%. Nel primo trimestre Samsung era al 18,3% e Xiaomi al 10,7%.

Tanto per avere un ordine di misura, nel Q2 2014, il più grande mercato smart phone al mondo, la Cina continentale, ha rappresentato il 37% delle spedizioni globali – circa 108,5 milioni di unità. Tra i primi cinque vendor in Cina in questo trimestre, tutti tranne uno erano aziende locali. E forse più impressionante, che il successo “home-grown” continua nella top 10, dove otto i venditori erano cinesi.

Gli altri sono Samsung e ovviamente Apple. «In poco più di un anno – racconta Canalys -, Xiaomi, da player di nicchia è diventato il principale fornitore di smart phone nel più grande mercato del mondo, superando Samsung in termini di volume in Q2».

 

 

 

«Questo è un risultato fenomenale per Xiaomi – hanno commentato gli analisti -. Senza dubbio questo è stato aiutato da un calo, temporaneo, nelle prestazioni di Samsung nel corso del trimestre. Ma questa è solo metà della storia. Xiaomi ha eseguito la sua strategia di crescita in volumi e sta fornendo prodotti interessanti in fasce di prezzo aggressive, focalizzandosi principalmente sulle sue funzioni più interessanti, sui servizi software MIUI e su un marketing molto efficace». Il 97% delle spedizioni firmate Xiaomi è avvenuto in Cina ma sull’onda di un simile successo nuovi mercati sono entrati nel mirino per la seconda metà dell’anno: Indonesia, Messico, Russia, Tailandia, Turchia e dunque Europa… «Il suo modello di pricing aggressivo è ottimo – raccontano da Canalys – ma la sfida non è semplice». Ciò che più incuriosisce gli esperti però è capire se il particolare modello di business e marketing riuscirà ad attecchire anche oltre confine.

E-Commerce e community

A prima vista, il peso preponderante della community e del passaparola nel successo di quetso brand fanno subito pensare a Apple… ma c’è di più. Il cuore è infatti la community, sono le migliaia di persone convolte su Facebook (oltre 500mila), Twitter… Un mare magnum di appassionati che, come racconta anche lastampa.it, segnala migliorie e malfunzionamenti, realizza temi per la piattaforma MIUI o localizza il sistema operativo nei paesi fuori dalla Cina. Ed è questo l’elemento differenziante forse più forte rispetto a Apple. Più che i gioielli hardware (prodotti anche loro dalla Foxconn e venduti a prezzi molto aggressivi) sono i servizi e il software a mietere appassionati e seguaci che indicano questi prodotti come i migliori, o quasi, smartphone su Android. Non solo, altro cardine del progetto è il go to market. Unico e solo passaggio è il Web. L’e-commerce è il cuore pulsante e solo e soltanto di li si passa… Non a caso, proprio Xiaomi viene indicato come il terzo sito di e-commerce in Cina. Gli investimenti più grandi vengono fatti dunque sulla logistica e sul servizio post vendita… Ora la scommessa europea. Una scommessa ambiziosa e difficile secondo molti analisti, dubbiosi sulla reale capacità di esportazione di un simile modello…  La sensazione forte però è che mai come in questo momento nulla in un mercato così strategico sia scontato, soprattutto quando di mezzo c’è un motore che da quattro anni macina record a pieni giri…

I dati mondiali

Chiusura sui dati complessivi del mercato smartphone. In tutto il mondo, 292.400.000 telefoni intelligenti sono stati venduti nel Q2 2014, che rappresentano una crescita del 5% rispetto al primo trimestre. Nonostante le sfide in Cina, Samsung ha mantenuto la sua leadership mondiale con una quota del 26%, anche se si tratta della più bassa quota globale in due anni e mezzo (32% nel Q2 2013 e 31% nel 1 ° trimestre 2014). La casa coreana è rimasta comunque davanti ad Apple (12%), Huawei (7%) e Lenovo (5%). La forte performance nazionale di Xiaomi ha portato a completare la top five mondiale con una quota del 5%.

Da segnalare una solida performance di Motorola, aiutata soprattutto dal successo del Moto G. La multinazionale raggiunge il decimo posto della classifica mondiale con una quota del 3%. 

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente