Storage: ai clienti piace il \"solid state\" | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Analisi

Storage: ai clienti piace il \”solid state\”

di Redazione #Digital4Trade

18 Apr 2013

Secondo IDC un numero crescente di clienti prenderà in considerazione l’acquisto di unità storage array a stato solido per accelerare il funzionamento delle applicazioni aziendali più critiche

La crescita dei dati digitali, le nuove applicazioni di virtualizzazione e di Cloud, i sistemi analitici per big data stanno aumentando i requisiti di velocità delle aziende in termini di capacità di storage.

Stando alla prima ricerca di IDC sulla tematica dell’uso dei sistemi solid state storage (SSS) e solid state drive (SSD), queste tecnologie sono destinate a raccogliere un interesse sempre più significativo da parte dei clienti d’impresa. Interesse che è motivato dall’esigenza di migliorare le prestazioni e l’accesso ai dati e che potrà sviluppare un business mondiale del valore complessivo di circa 1,2 miliardi di dollari entro il 2015.

Come spiega il documento IDC, per ottimizzare la velocità di accesso, sarà importante collocare i dati a cui le applicazioni accedono più frequentemente, ossia gli hot data, su dischi solid state lasciando le meno utilizzate ai tradizionali dischi. Il giusto bilanciamento tra dischi magnetici e solid state è potrà efficacemente consentire un aumento del numero di transazioni (IOPS) rispetto a tradizionali array di dischi, limitando l’impegno di spazio fisico.


Un mercato in evoluzione
La discesa dei prezzi delle memorie ha inoltre portato il costo degli SSD sotto la soglia del dollaro per GB, rendendo lo storage ad alte prestazioni molto più accessibile rispetto al passato, per un più vasto insieme di applicazioni di storage.

Altri aspetti sottolineati dalla ricerca IDC riguardano la maturità dell’offerta di soluzioni storage basato su SSD per quanto riguarda le funzioni disponibili. Questo è in grado di accelerare l’adozione da parte delle imprese. Gli storage array basati interamente su memorie a stato solido, in qualche caso realizzati configurando gli array storage pre-esistenti con SSD, saranno le soluzioni più rapidamente destinate a diffondersi sul mercato. 

Questo in attesa che gli avanzamenti nella tecnologia dei semiconduttori e i miglioramenti tecnologici che hanno già permesso alle memorie Flash NAND di raggiungere livelli di prezzo competitivi permettano lo sviluppo di nuove soluzioni storage ad alte prestazioni.

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade