Problemi con il software, senza il sussidio migliaia di disoccupati | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PA

Problemi con il software, senza il sussidio migliaia di disoccupati

di Gianluigi Torchiani

28 Ago 2015

Il disservizio registrato nelle ultime settimane è legato al passaggio a una nuova piattaforma di gestione, dopo i cambiamenti introdotti dal Jobs Act

Le conseguenze di scelte non perfette in ambito informatico e tecnologico possono essere molto pesanti per una vastissima platea di persone inconsapevoli. Soprattutto quando c’è di mezzo la Pubblica amministrazione. Lo conferma la vicenda, per molti versi assurda, che sta coinvolgendo in queste settimane migliaia di disoccupati italiani, che per problemi legati al passaggio a un nuovo sistema software devono fare i conti con clamorosi ritardi nell’erogazione dei sussidi di disoccupazione. Ma andiamo con ordine: il problema informatico è legato anche ai cambiamenti introdotti dal Jobs Act, che hanno stabilito l’entrata in vigore della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego a partire dal 1° maggio 2015, sostituendo così la vecchia Aspi. Proprio per elaborare le nuove modalità del sussidio di disoccupazione, l’Inps ha introdotto un nuovo software, ma qualcosa – forse per i tempi troppo rapidi d’implementazione – non è andato per il verso giusto.

Tanto che, come ha scritto nei giorni scorsi il quotidiano la Stampa «Sono passati due mesi e mezzo e il sindacato continua a ricevere miriadi di segnalazioni sulla mancata erogazione della prima rata delle indennità da assegnare a chi è rimasto senza lavoro suo malgrado. Nonostante le rassicurazioni dell’Inps, è verosimile che la maggior parte delle richieste a questo punto venga evasa solo a settembre, perché all’assestamento del nuovo sistema di gestione informatico, si aggiungerà il problema del personale in ferie». Insomma, alla base del clamoroso e ingiustificato ritardo c’è un disservizio informatico. Una vicenda che fa riflettere, alla luce delle tante parole spese sulla “digitalizzazione” della PA nazionale.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Problemi con il software, senza il sussidio migliaia di disoccupati

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *