Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smartphone

Microsoft Lumia 950 XL: la recensione

di Paolo Longo

05 Gen 2016

Il primo smartphone di Redmond che si collega al display permette di avere un computer vero e proprio sempre con sé. Ma l’ecosistema deve crescere

Display: 5.7 pollici Amoled
Processore: Qualcomm Snapdragon 810 MSM8994 Quad core 1.5 GHz Cortex-A53 + Quad core 2.0 GHz Cortex-A57
GPU: Adreno 430
Memoria: 32 GB + Micro SD Fino a 200 GB
RAM: 3 GB
OS: Windows 10
Fotocamera: 20 megapixel Carl Zeiss
Dimensioni: 151.9 x 78.4 x 8.1 mm
Prezzo: 699 euro

Le pagelle di Tech Lab:

Potenza: 8/10
Ergonomia: 7/10
Design: 6/10
Prezzo: 7/10
Pro: Molto più di uno smartphone
Contro: Sotto stress scalda. Parecchio

——————————————————

Satya Nadella lo aveva detto sin dal suo insediamento: Microsoft avrebbe puntato tutto sulle tecnologie mobili. Il Lumia 950 XL è la sintesi di tutto ciò, uno smartphone che con un dock specifico (per ora regalato con il telefono) si trasforma in un vero portatile, connettendosi a un display esterno. La magia è possiible grazie a un accessorio dotato di porte USB (3), HDMI e Display Port, a cui agganciare anche mouse e tastiere, per accedere a tutte le funzioni necessarie alla produttività fuori dall’ufficio.

La teoria è semplice: si portano con sé cellulare, dock e relativi cavetti e attraverso un monitor si continua il lavoro senza bisogno di avere dietro un computer portatile, per quanto leggero possa essere (pensiamo agli ultrabook/MacBook). Alla fine il Lumia 950 XL compie bene il suo lavoro? Si se pensiamo allo smartphone, qualche dubbio sulla “trasformazione” in notebook. Il problema non dipende dall’hardware ma dalla necessità che l’ecosistema delle app compatibili cresca ulteriormente. Alcune, normalmente accessibili dallo smartphone, non funzionano quando si usa Continuum, l’opzione di connessione telefonino-display.

La recensione interattiva

Non c’è dubbio sull’utilità di ottimizzare al massimo il concetto di produttività mobile attraverso il dock ma al momento l’accessorio sembra un vezzo per gli appassionati di tecnologia, che vogliono mostrare sull’HD di casa le foto scattate a Natale. Per gli altri dovremmo attendere l’integrazione di tante universal app, soprattutto quelle dedicate al business, per capire se la strada del “mobile first, cloud first” sia davvero quella tracciata dal Lumia 950 XL.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher