IBM rilancia in ambito software defined storage | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Aziende

IBM rilancia in ambito software defined storage

di Gianluigi Torchiani

27 Ago 2015

La società ha annunciato una serie di novità nell’ambito della linea Spectrum Storage, per aiutare le aziende a realizzare in modo semplice il cloud ibrido

IBM rinnova il suo impegno in ambito software defined storage, rendendo disponibili due novità nell’ambito della sua linea di prodotto Spectrum Storage. Che negli ultimi sei mesi, secondo i dati resi noti da Big Blue, sta conoscendo un buon sviluppo: oltre 1.000 nuovi clienti hanno scelto prodotti del portafoglio IBM Spectrum Storage per le loro esigenze di archiviazione dati. Per quanto riguarda IBM Spectrum Protect, la novità introdotta è quella di consentire alle aziende l’esecuzione del backup dei dati su object storage on-premise o sul cloud, senza la necessità di appliance cloud-gateway. IBM Spectrum Protect supporta inoltre l’infrastruttura IBM Cloud, ed è prevista l’espansione futura del supporto anche ad altri cloud pubblici. Spectrum Protect, ricorda IBM, è indicato soprattutto per le piccole e medie imprese, che possono eliminare la necessità di ulteriori server di backup, media server o appliance di deduplica. L’analisi effettuata con clienti beta indica, infatti, che il software IBM Spectrum Protect può aiutare a ridurre i costi di infrastruttura di backup fino al 50 per cento. “IBM Spectrum Protect offre significativi miglioramenti e funzionalità più avanzate rispetto a molte altre tecnologie di backup virtuale attualmente disponibili sul mercato – ha dichiarato William Bush, responsabile servizi tecnici di Tectrade – . Non è necessario applicare una tecnologia separata di sola virtualizzazione per integrare IBM Spectrum Protect e questo consente di gestire in modo semplificato e unificato lo storage”.

La società ha anche annunciato una serie di novità per IBM Spectrum Accelerate: quest’ultimo sarà reso disponibile “as a service” ai clienti IBM Cloud, attraverso la sua infrastruttura SoftLayer. L’obiettivo è quello di aiutare le aziende ad adottare il block storage su SoftLayer senza necessità di acquistare nuovo hardware di storage o gestire un’ampia gamma di appliance. IBM sta anche potenziando la versione software-only di IBM Spectrum Accelerate, per ridurre i costi attraverso il consolidamento dello storage e delle risorse di calcolo sugli stessi server.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

IBM rilancia in ambito software defined storage

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *