IBM e la sfida dei server, più ampio il portafoglio x86 | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Annunci

IBM e la sfida dei server, più ampio il portafoglio x86

di Marco Maria Lorusso

10 Set 2014

I nuovi server IBM x86 sono ideali per gli ambienti cloud, garantiscono maggior sicurezza e sono più efficienti e affidabili. Queste sono solo alcune delle innovazioni dei nuovi prodotti presentati da Big Blue

I server sono ancora nel cuore di Big Blue. Il portafoglio di prodotti di IBM da oggi è infatti ancora più ampio: sono infatti stati presentati i nuovi server M5 x86 che offrono innovazioni specifiche per le applicazioni mission-critical delle aziende.

I nuovi server M5 sono dotati di alte prestazioni che riguardano la sicurezza, l’efficienza e l’affidabilità che garantiscono di supportare ampi carichi di lavoro di tipo Enterprise, da quelli infrastrutturali al cloud computing, dai Big Data agli analytics.

La nuova offerta include modelli estremamente configurabili di server rack e tower, sistemi densi, sistemi blade e sistemi integrati tra i quali:

System x3650 M5 – un server rack 2U potente, versatile a 2 socket, ottimizzato per i Big Data, gli analytics e il cloud;
System x3550 M5 – un server rack 1U flessibile, a 2 socket pensato per una vasta gamma di carichi di lavoro per vari settori;
System x3500 M5 – un server tower or rack all-in-one 5U ad alte prestazioni, a 2 socket per i carichi di lavoro business critical;
Flex System x240 M5 – ottimizzato per le performance, la virtualizzazione mainstream e le applicazioni enterprise;
NeXtScale nx360 M5 – un server di calcolo 1U half-wide ottimizzato per la densità, la flessibilità e le prestazioni;
NeXtScale System con tecnologia di raffreddamento ad acqua – un server raffreddato ad acqua con prestazioni ad alta efficienza energetica e a basso costo.

I nuovi server, inoltre, oltre alle innovazioni di System x, si avvalgono delle più recenti funzioni industry-standard, tra cui i nuovi processori Xeon E5-2600 v3 di Intel e fino a 1,5 terabyte di memoria TruDDR4 che risulta essere più veloce e più efficiente per quanto riguarda il punto di vista energetico.

Ma Big Blue ha pensato anche a supportare ulteriormente le aziende a spostare le applicazioni aziendali sul cloud e a migliorarne l’efficienza globale insieme all’affidabilità e alle prestazioni, il tutto si traduce con l’introduzione di nuove soluzioni tra cui:

IBM System x Solution per VMware VSAN – una soluzione per lo storage basata su software che consente ai nuovi server System x M5 e VMware Virtual SAN di semplificare la gestione delle VM’s storage. Può contribuire ad abbassare il TCO fornendo nello stesso tempo alte prestazioni e un’elevata affidabilità di storage per le macchine virtuali;
IBM System x Solution per Microsoft Fast Track DW per SQL Server 2014 – una soluzione che si basa sulle tecnologie M5, efficaci in termini di costi per i carichi di lavoro dei data warehouse con SQL Server 2014 e che consente di ottenere risultati velocemente, massimizzando i tempi di disponibilità del servizio e consentendo una scalabilità uniforme man mano che i carichi di lavoro aumentano;
IBM SmartCloud Desktop Infrastructure con Atlantis Computing ILIO – una soluzione pensata per ridurre i costi di storage e migliorare l’esperienza degli utenti per quanto riguarda la virtualizzazione dei desktop basata su Citrix XenDesktop o VMware Horizon View;
IBM Flex System Solution per Microsoft Hyper-V – una soluzione per l’infrastruttura cloud basata su IBM Flex System, Microsoft Windows Server 2012 R2, virtualizzazione Hyper-V e System Center 2012 R2, che garantisce costi di esercizio ridotti, elevata affidabilità e alte prestazioni per una vasta gamma di carichi di lavoro.

Le nuove soluzioni IBM sono state pensate allo scopo di gestire nel modo migliore i carichi di lavoro e per dare valore ai clienti creando un vantaggio dalla collaborazione con i più importanti fornitori di software.

I nuovi server M5 garantiscono una sicurezza avanzata incorporata con Trusted Platform Assurance, un set di funzionalità che hanno il compito di proteggere i sistemi da attacchi malware. I server M5 danno supporto hardware per la versione più recente del Trusted Platform Module per attivare un maggior numero di algoritmi di criptatura e supporto Windows OS. Inoltre, offrono anche una protezione dei dati enterprise-class con dischi opzionali auto criptanti e una gestione chiavi semplice e centralizzata.

I server M5 nascono grazie a 50 anni di esperienza acquisita da IBM nella gestione dei data center; infatti, gli M5 offrono performance migliorate rispetto alla generazione precedente, hanno tool di diagnostica proattivi esclusivi IBM, incorporati per una semplice manutenzionabilità e generano costi di gestione ridotti. L’hardware dei server System x ha ottenuto il più alto livello di disponibilità di tutti i server x86 e si classifica sempre al primo posto per quanto riguarda la custode satisfacition. Grazie ai server M5, la leadership di IBM risulta estendersi anche in quest’area di sistemi.

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. #Sergente

IBM e la sfida dei server, più ampio il portafoglio x86

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *