Fortinet: in un 2015 sotto attacco la risposta della sicurezza dovrà essere proattiva | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Previsioni

Fortinet: in un 2015 sotto attacco la risposta della sicurezza dovrà essere proattiva

di Gianluigi Torchiani

16 Dic 2014

I ricercatori dei FortiGuard Labs pensano, con l’arrivo dell’anno nuovo, che si assisterà a un forte aumento delle minacce che vedranno interessati vari settori a livello globale

Il nuovo anno è alle porte e a dare uno sguardo a quali saranno le minacce più significative nelle quali dovremo imbatterci arriva una previsione di Fortinet, che parte da una premessa non certo rassicurante. Aumentando sempre di più il numero dei dispositivi connessi in rete, i cyber criminali affineranno la loro abilità in fatto di attacchi IoT e le loro tecniche di elusione avanzate, continuando a sfruttare le vulnerabilità su vasta scala dei server per i loro scopi criminali. Vediamo ora quali potranno essere quindi, le minacce alla sicurezza più significative in vista del 2015.

Blastware atti a distruggere sistemi, cancellare dati ed eludere le tracce degli hacker – La nuova potenza distruttiva del malware potrebbe dare la capacità agli hacker di infiltrarsi nei sistemi, recuperare dati e cancellare le informazioni che si trovano in sistemi e hard drive per coprire le proprie tracce.

Coinvolgere persone ignare, per eludere l’applicazione della legge – Aumentando l’attività criminale informatica, aumenta anche l’impegno delle autorità per individuare questo tipo di minaccia. Con l’anno nuovo, si prevede che le tecniche di elusione avanzate miglioreranno per permettere ai criminali di dissimulare le tracce; secondo Fortinet, questa tendenza si evolverà puntando sull’elusione della sand-box.

L’Internet of Things diventa l’Internet of Threats (IoT) – Nel corso di quest’anno la nuova tendenza è stata Heartbleed e Shellshock focalizzata sullo sfruttamento delle vulnerabilità dal lato server e per il 2015 si prevede che questa tendenza purtroppo continui perché gli hacker Black Hat faranno leva sull’Internet of Things per seguire il percorso meno resistente per via dell’aumento dei dispositivi connessi in rete. Gli hacker cercheranno di sfruttare le vulnerabilità dei sistemi consumer di home automation e sicurezza e le Webcam così come i dispositivi NAS e i router delle aziende saranno ancora l’obiettivo di diversi attacchi.

Denial of Revenue/violazione dei dati – FortiGuard prevede che anche nel corso del 2015 la violazione dei dati con relativi furti dai negozi proseguirà per via dei nuovi espedienti che i criminali metteranno in atto per infiltrarsi nei sistemi retail e finanziari; i danni poi potranno espandersi anche al Denial of Service nelle linee di assemblaggio, nelle fabbriche e nei sistemi ERP/SAP come nei sistemi di gestione di edifici e nel sistema sanitario.

Come reagire a queste minacce? Chi si occupa di fornire soluzioni di sicurezza deve integrare la tecnologia per automatizzare la protezione. Con il nuovo anno, i vendor specializzati  vedranno una spinta verso la threat intelligence fruibile, ossia servizi proattivi che filtrano i dati e avvisano i clienti di probabili vulnerabilità prima di un attacco. La capacità di garantire l’interoperabilità tra diversi prodotti di sicurezza e dispositivi di networking, computer, storage e terminali di rete, sarà di fondamentale importanza per avere successo.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade