F-Secure apre all'Intelligenza Artificiale | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IT Security

F-Secure ingaggia l’AI sui nuovi fronti della protezione

di Loris Frezzato

13 Apr 2018

Le soluzioni basate su Detection & Response ampliano la gamma di servizi integrati a disposizione dei partner del vendor

Un trentennio dedicato alla sicurezza IT, partendo dalla fine degli Anni 80 e percorrendo le varie fasi dell’evoluzione del malware e delle relative soluzioni di protezione fino a oggi, in cui Intelligenza Artificiale e IoT si avvicinano sempre di più al tema Sicurezza. Sono i trent’anni di F-Secure, che l’azienda ha trascorso senza rallentare il passo e su questa esperienza oggi è in grado di guardare al prossimo futuro dell’IT Security (qui una video intervista a Mikko Hipponen, CRO di F-Secure).

Antonio Pusceddu, Country sales manager di F-Secure Italia

«Non si tratta meramente di un compleanno, ma di un percorso che ha portato F-Secure a costruire una riconoscibilità sul mercato delle soluzioni di sicurezza – dichiara Antonio Pusceddu, Country sales manager di F-Secure Italia -. 30 anni in cui ci sono stati molti cambiamenti, con aumento dei malware, un aumento dei device connessi che con l’avvento dell’IoT è destinato a crescere in maniera esponenziale, facendo diventare cruciale la questione della protezione degli end point, anelli deboli nella catena di sicurezza che possono mettere in pericolo l’azienda».

Uno sguardo verso il midmarket

E le aziende a cui F-Secure si rivolge sono prevalentemente quelle di taglio medio-piccolo, ma le soluzioni del vendor coprono anche le esigenze del target midsize ed enterprise «eccellenze ricche di proprietà intellettuali e di idee progettuali da difendere, vero tesoro su cui si basa il loro business. E proprio sul midmarket vogliamo concentrare i nostri sforzi nel prossimo futuro» commenta Pusceddu.

Aziende i cui perimetri si sono ampliati enormemente con la progressiva estensione al cloud e che negli ultimi anni hanno visto una proliferazione incredibile dei device connessi, anche personali, utilizzati in maniera disinvolta per usi individuali e business. Un panorama che cambia velocemente e al quale F-Secure ha via via adattato la propria strategia e offerta.

Offerta integrata basata sul Data science

«La nostra trasformazione non si è mai fermata in tutti questi anni – sottolinea Jimmy Ruokolainen, Vice President Product management and Marketing di F-Secure -, seguendo l’evoluzionedelle esigenze delle aziende. Una trasformazione basata sulle tecnologie e sulle competenze, storicamente concentrate sull’end point protection, ma estendendole al concetto di cyber security, prediction, prevention, detection e respond».

In capo a due anni, dal 2015, F-Secure è passata dalla semplice protezione a un’offerta comprensiva, fino a oggi in cui si può definire una vera e propria offerta integrata di sicurezza, dove la Detection&Response ha un ruolo di primo piano.

Jimmy Ruokolainen, Vice President Product management and Marketing di F-Secure

Soluzioni integrate che ben si prestano a una copertura di protezione per il midsize, nuovo obiettivo di target clienti dichiarato dal vendor, venendo incontro alle esigenze di protezione nate dalla crescente velocità degli attacchi e dalla grande quantità di dati da analizzare in tempi brevi, puntando con forza verso la real time detection e data science, sulla quale i laboratori di ricerca e sviluppo di F-Secure stanno lavorando intensamente, guardando con attenzione verso possibili ingaggi dell’Artificial Intelligence.

Uomo e Macchina: l’Intelligenza Artificiale è sinergia

«Bisogna attivare una collaborazione tra uomo e macchina, tra esperti di cybersecurity e la soluzione di protezione, e l’Intelligenza Artificiale avrà un ruolo fondamentale per la protezione del futuro, con l’obiettivo di andare verso un’automatizzazione dei processi di controllo – conclude Ruokolainen-. Per questi motivi, nel 2018 la nostra strategia intende combinare la nostra esperienza nella cyber security degli endpoint, alla endpoint detection & response attivata dall’AI e dal machine learning».

 

Loris Frezzato

Prendetemi così: dopo decenni dedicati al trade, ancora trovo il modo di entusiasmarmi per un settore che non smette di cambiare. Caporedattore #Digital4Trade

F-Secure ingaggia l’AI sui nuovi fronti della protezione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *