Dove finisce la banda larga, entra in gioco il wireless AVM - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Networking

Dove finisce la banda larga, entra in gioco il wireless AVM

di Redazione #Digital4Trade

03 Nov 2016

Forte di una lunga esperienza maturata nel mondo PMI, l’azienda tedesca mantiene elevato l’impegno per garantire connessioni ad alta velocità anche in presenza di forti carichi di lavoro

Il limite nella disponibilità di banda larga con cui tante aziende italiana devono fare i conti nel momento di scegliere o espandere una sede operativa, può essere solo uno dei problemi quando si parla di connettività. Non di rado infatti, l’approccio alla questione nasconde risvolti del tutto inaspettati. «Concentrasi solo sulla fibra ultraveloce non è sufficiente – spiega Gianni Garita, country manager per l’Italia di AVM -. Tutta quella velocità può rivelarsi inutile se all’interno dell’organizzazione non si è in grado di sfruttarla, e nelle aziende in genere questo significa trasmissione Wi-Fi veloce e affidabile».

Nata e cresciuta con rigorosa attenzione al mondo PMI, l’azienda tedesca resta attenta a coprire al meglio ogni esigenza su un settore che in Italia non è mai stato avaro di soddisfazioni. «Il 2016 si presenta come uno degli anni migliori per noi nel vostro Paese – sottolinea Garita -. Qua troviamo un mercato importante per fatturato ma anche per potenzialità, con una motivazione a mantenere elevati gli investimenti e cercare di metterci sempre in evidenza».

Facile a questo punto intuire la volontà di ribadire la propria presenza in occasione del recente SMAU a Milano. «Dopo alcune comparse a fine Anni ’90, questa per noi è stata la quarta edizione di fila – osserva Garita -. Qua troviamo una forte presenza del nostro mercato di riferimento e il maggiore movimento di questa edizione ci stimola ulteriormente a proseguire».

L’occasione si è rivelata anche lo scenario ideale a presentare un nuovo importante traguardo sul fronte commerciale. «Abbiamo appena concluso in accordo con Eolo, il provider wireless per il quale abbiamo messo a punto un dispositivo su misura, curato anche sotto il profilo estetico. Come tanti altri fornitori, ci riconoscono la qualità di un prodotto dalle elevate prestazioni e al tempo stesso semplice da installare. Un progetto sviluppato in Germania e realizzato interamente in UE, per noi è garanzia di funzionamento con ogni tipo di infrastruttura».

Ben consapevoli di quanto variegate possano essere le infrastruttura del mondo PMI in Italia, grande attenzione viene dedicata al canale. «Il nostro modello di vendita indiretta comporta una perfetta intesa con i partner – osserva Garita -. Siamo molto soddisfatti di esserci affidati a una serie di distributori come Esprinet, Ingram Micro, Focelda e Allnet e aver ottenuto un ottimo supporto per la crescita».

Nelle intenzioni dell’azienda, una crescita destinata a proseguire e per questo sempre alla ricerca di nuove opportunità. Va in questa direzione il recente accordo per rafforzare ulteriormente il canale. Da pochi giorni infatti anche Brevi si è aggiunta alla rete di distribuzione, apportando gli oltre trent’anni di esperienza a livello nazionale e la copertura offerta dai cash& carry distribuiti in tutta la Penisola.

«Sappiamo quanto sia impegnativo capire come funziona il mercato italiano – conclude Garita -. D’altra parte, un mercato dalle grandi potenzialità. In diversi aspetti della tecnologia, un esempio su tutti il mobile, parliamo di un Paese molto avanti, e anche sul fronte del networking il movimento è decisamente interessante».

 

Velocità senza freni

Alla vetrina di Smau, ritornata affollata come non si vedeva da alcuni anni, AVM non ha esitato a mettere in mostra le ultime novità della propria offerta. Oltre a pubblicizzare l’accordo raggiunto con Eolo per la connettività wireless a livello provider, i riflettori sono stati puntati su FRITZ!Box 4020. La soluzione di punta offre l’integrazione dei servizi di telefonia, connettività e networking rivolti al mondo small business. L’idea è proporre una soluzione completa, con due bande radio utili a integrare tutti i dispositivi: dal tablet, al portatile, alla stampante fino allo smartphone, garantendo la velocità di connessione.

Rivolto invece all’ambito home office è FRITZ!Box 7490. In abbinamento a FRITZ!NAS, può funzionare come unità di backup o come media server per distribuire contenuti multimediali quali immagini, video e presentazioni in una LAN. La tripla connessione permette di coprire funzioni di trasmissione dati Internet, telefonia (VoIP) e IPTV, con velocità di 100 Mbit/s ed elevate prestazioni con lo standard di rete veloce Wireless N.

Novità assoluta infine, FRITZ!Box 4040, router wireless senza modem, utile per estendere la portata di una rete  via cavo, DSL o fibra ottica aggiungendo funzionalità come velocità wireless AC+N fino a 1.266 Mbit/s (866+400) per la trasmissione dei dati.

 

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade

Dove finisce la banda larga, entra in gioco il wireless AVM

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *