Da F-Secure un'app contro la pubblicità invasiva | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Risorse

Da F-Secure un’app contro la pubblicità invasiva

di Gianluigi Torchiani

02 Ott 2015

L’azienda ha rilasciato F-Secure AdBlocker, una nuova app gratuita in grado di bloccare la pubblicità in Safari e nelle app che usano Safari View e che rallentano la navigazione degli utenti

La pubblicità indesiderata sta diventando un serio problema. Una recente indagine condotta dai laboratori di F-Secure ha dichiarato che queste pratiche di pubblicità online si traducono, per gli utenti, in costi sia in termini di tempo che di dati sprecati. Per risolvere il problema, la società che si occupa di sicurezza ha rilasciato F-Secure AdBlocker, una nuova app gratuita – che si trova sull’App Store di Apple – che permette agli utenti di salvare i propri dati e navigare più velocemente bloccando il traffico proveniente da server pubblicitari conosciuti. AdBlocker è in grado di filtrare il traffico Internet che proviene dai pubblicitari. Inoltre, AdBlocker consente di risparmiare banda impedendo a Safari di caricare annunci pubblicitari.

Il prodotto è basato sulle nuove funzionalità di blocco dei contenuti che Apple ha messo a disposizione in iOS9 e utilizza filtri costruiti e mantenuti nel security cloud di F-Secure. «La pubblicità è regolata sugli altri media in molti modi diversi; quindi, il fatto che le persone non possano attenuare i contenuti pubblicitari che vedono online è un po’ ridicolo – ha detto Sean Sullivan, F-Secure security advisor -. La gente chiede la cancellazione dagli annunci pubblicitari perché non vuole essere distratta da un sacco di banner appariscenti, che rallentano la navigazione. Ma ciò non significa che le persone non siano ricettive verso la pubblicità, quindi, è auspicabile che il blocco della pubblicità sia visto come un’opportunità per i pubblicitari per creare contenuti che la gente vuole, piuttosto che annunci che la gente ignora o vuole addirittura bloccare».

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade