Check Point, una bolla per proteggere i dispositivi mobili | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sicurezza

Check Point, una bolla per proteggere i dispositivi mobili

di Gianluigi Torchiani

03 Nov 2014

Check Point Capsule, che funziona come una classica app, è in grado di separare i dati di business dai dati e dalle applicazioni personali

La sicurezza aziendale è sempre più un problema, in particolare per effetto della proliferazione dei dispositivi mobili. Non di rado quelli personali vengono utilizzati per accedere alle applicazioni aziendali, con scarse o nulle misure di sicurezza. Ecco perché Check Point Software Technologies ha annunciato la presentazione di un sistema che dovrebbe essere in grado di mettere sotto protezione i dati aziendali a cui si ha accesso tramite gli smartphone, grazie all’utilizzo di una vera e propria bolla di protezione. La soluzione, denominata Check Point Capsule, che non è altro che un’app scaricabile, è in grado di creare sul dispositivo mobile un ambiente aziendale sicuro, che di fatto separa i dati di business dai dati e dalle applicazioni personali. Questo permette agli utenti di utilizzare le applicazioni di business in modo sicuro tramite una semplice interfaccia utente, dalla quale poter accedere immediatamente all’email, ai file, alle directory, ai contatti e all’agenda aziendale, senza influire in alcun modo sui dati personali.

«Capsule permette di stabilire connessione sicura con la propria azienda. La cosa importante è che documenti sono sicuri così come i device. In buona sostanza l’utente deve solo mettere un Pin, poi è protetto da questa capsula (bolla) e può accedere a tutte le applicazioni aziendali in sicurezza, poiché tutta la navigazione viene filtrata attraverso l’infrastruttura Check Point», ha spiegato David Gubiani, Technical Manager Check Point. Di fatto Check Point Capsule effettua una scansione del traffico proveniente dai dispositivi mobili nel cloud e previene l’accesso a file e website malevoli, danni derivanti da bot e altre minacce informatiche. Questa soluzione è integrabile con alcuni sistemi di mobile device management ma, secondo i responsabili italiani di Check Point, Capsule potrebbe permettere alle aziende di farne a meno, grazie anche a una politica di costi bassi (ogni utente aziendale può installare la soluzione su tre device). La commercializzazione di Capsule nel nostro Paese avverrà in maniera integrale tramite canale.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade