Ces 2015, tra Kodak e Walkman la tecnologia punta anche sull'effetto nostalgia | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ces 2015

Ces 2015, tra Kodak e Walkman la tecnologia punta anche sull’effetto nostalgia

di Gianluigi Torchiani

07 Gen 2015

Fioccano gli annunci ufficiali dal Consumer electronic show di Las Vegas. Sony punta sul mondo wereable, mentre Samsung preannuncia importanti investimenti nell’Internet of Things

Continuano a fioccare gli annunci da Las Vegas, dove in questi giorni si sta svolgendo l’atteso CES 2015, con i big del settore Ict che sono scesi in campo. Tra questi c’è sicuramente Sony, che ha colto l’occasione del Consumer electronic show per presentare una serie di novità sul fronte SmartWear: si tratta di nuovi prodotti, partnership ed esperienze d’uso che vanno a estendere la gamma dei dispositivi indossabili. A partire dalla nuova versione di SmartWatch 3 in lucido acciaio inossidabile, alle più recenti collaborazioni per Lifelog fino a innovativi device pensati per rivoluzionare il concetto di wearable. In particolare SmartWatch 3, in acciaio inossidabile, è dotato di un display LCD TFT transflettivo da 1.6” con risoluzione 320×320, garantisce un’ottima visibilità anche in condizioni di forte luminosità, è resistente all’acqua (certificato IP68) e si ricarica attraverso un ingresso microUSB standard. La particolarità è che SmartWatch 3 può essere anche utilizzato senza l’ausilio di uno smartphone Android essendo un accessorio divertente e utile con incredibili funzionalità autonome: è dotato di un sistema di riproduzione musicale, di una tecnologia a sensori intelligenti e di un unico sensore GPS integrato. In occasione del CES, Sony ha presentato anche il prototipo Smart B-Trainer, un device impermeabile a forma di cuffie, con capacità multi-sensore, progettata specificamente per chi corre. Attualmente il prototipo è dotato di una memoria integrata e fornirà un training vocale oltre alla riproduzione di musica, per suggerire la colonna sonora più adatta per accompagnare il runner durante l’allenamento.

Sempre a Las Vegas è stato presentato il nuovo walkmamn Sony, lo ZX2 (nella foto), un lettore multimediale di alta qualità strettamente collegato a Google Play ma non solo, che sarà messo in vendita dalla prossima primavera a un prezzo record di circa 1200 dollari.

Sempre in chiave nostalgia, c’è da segnalare come Kodak, marchio storico della fotografia mondiale, ha presentato al Ces 2015  il lancio del suo primo smartphone Android. Si tratta del Kodak IM5, che ovviamente fa delle immagini uno dei suoi punti di forza, grazie a una fotocamera da 13 MP e flash Led. Lo smartphone sarà venduto a un prezzo estremamente competitivo, intorno ai 200 dollari. Molto attiva a Las Vegas anche Qualcomm, che ha presentato una serie di novità nel mobile computing e nei prodotti per la connettività dalle case alle strade. Tra questi, la prima demo pubblica del processore Snapdragon 810 LTE Advanced Cat 9 con modem integrato e il primo access point tri-band e media hub che utilizzano la connettività Wi-Fi a 60 GH. Novità in vista anche da uno dei colossi del settore, Samsung: nel corso del suo keynote Boo-Keun Yoon, ceo della compagnia sudcoreana, ha annunciato un forte investimento aziendale nell’Internet of Things. Tanto che entro i prossimi cinque anni tutti i prodotti commercializzati da Samsung (dunque Tv saranno dotati di un collegamento a Internet. Ritornando al presente, invece, la casa sudcoreana ha presentato al Ces le nuove TV SUHD, basati sulla piattaforma Tizen con processore a 8 core. 

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Ces 2015, tra Kodak e Walkman la tecnologia punta anche sull’effetto nostalgia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *