Carte di credito, dieci consigli per prevenire le frodi | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sicurezza

Carte di credito, dieci consigli per prevenire le frodi

di Gianluigi Torchiani

21 Dic 2015

Achab consiglia, per questo periodo di acquisti natalizi ma non solo, di prestare la dovuta attenzione alla gestione on line e fisica delle proprie carte

Il periodo natalizio è anche un periodo di acquisti e consumi, che nel 2015 dovrebbero essere più sostenuti rispetto allo scorso anno. Acquisti che vengono effettuati, sempre più spesso, tramite carta di credito. Che, però, come noto sono soggette a rischi dal punto di vista della sicurezza. Per la precisione, secondo le stime della BCE relative allo stesso periodo dello scorso anno, viene frodato circa un euro per ogni 2.635 spesi con carta di credito. Una media media in reatà non elevatissima, ma occorre considerare che – in caso di frode effefttiva -l’ignaro compratore somme molto più alte. Le truffe vengono compiute attraverso l’uso del numero della carta di credito che viene riprodotto illegalmente su carte “clonate” che vengono utilizzate sia per lo shopping tradizionale sia per il commercio elettronico. A questo proposito il team di Achab, distributore italiano specializzato nello scouting e nell’introduzione in Italia di soluzioni IT innovative, ha stilato un decalogo di buone pratiche per proteggere la propria carta di credito.

1) La sicurezza fisica è importante: occorre tenere la carta di credito in un luogo sicuro e non accessibile a tutti (tenerla nel cassettino della macchina non è una buona idea).

2) Non bisogna scrivere mai il PIN da nessuna parte e occorre accertarsi che non contenga dei numeri semplici come il tuo prefisso o la data di nascita.

3) La carta di credito va firmata: sembra una banalità, ma in alcune circostanze la firma viene verificata e controllata

4) Verificare regolarmente l’elenco delle transazioni: anche quelle di pochi centesimi o pochi euro. Spesso i cybercriminali fanno delle piccole transazioni per vedere se l’ignaro utente stia controllando gli estratti conti. Se le piccole transazioni restano non “contestate”, si dedicano a somme ben più ingenti.

5) Prima di utilizzare la carta a uno sportello bancomat occorre assicurarsi che il bancomat sia integro, non ci siano segni di effrazione, strane telecamere o oggetti insoliti.

6) Dopo aver fatto un prelievo bisogna assicurarsi che la ricevuta riporti lo stesso importo dei soldi effettivamente prelevati.

7) Quando si riceve la nuova carta di credito o un nuovo bancomat è bene distruggere fisicamente il vecchio, non metterlo semplicemente nel cassetto.

8) In caso di acquisti online, è necessario assicurarsi che il sito web utilizzi i protocolli sicuri come HTTPS. In caso contrario on bisogna inserire informazioni personali o finanziare su un sito che non usa transazioni cifrate.

9) Quando si finisce di utilizzare un sito web o un’applicazione va effettuato il logout, cioè occorre scollegarsi completamente. Altrimenti chi userà il computer o la applicazione successivamente potrà agire con le stesse credenziali.

10) Non usare computer pubblici per effettuare transazioni o acquisti e non fare mai transazioni di denaro da reti che non si conoscono

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Carte di credito, dieci consigli per prevenire le frodi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *