Apple e il desktop che non ti aspetti, la vera sorpresa è il nuovo Mac Pro | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ritorni di fiamma

Apple e il desktop che non ti aspetti, la vera sorpresa è il nuovo Mac Pro

di Marco Maria Lorusso

11 Giu 2013

Come era normale e lecito aspettarsi, a catalizzare le luci della ribalta del Moscone Center di San Francisco sono state, nelle scorse settimane, le molte novità di iOS7. Il sistema operativo mobile ha infatti conosciuto «il più grande aggiornamento dall’introduzione del primo iPhone». Per i fan della prima ora della Mela morsicata però Il vero colpo di scena è arrivato con il rilancio, quello si a sorpresa, del Mac Pro con un design davvero rivoluzionario. Un cilindro nero per provare a rivitalizzare il segmento più \”tradizionale\” nel mondo IT

Il desktop è morto… viva il desktop. In moltissimi tra i puristi della Mela morsicata ci avevano rinuncito da tempo e avevano virato i loro acquisti in direzione iMac o Mac Book… Nelle scorse settimane però, quasi a comporre un ben archiettato ossimoro, nel mezzo del più deciso rinnovamento del proprio sistema operativo mobile Apple ha anche alzato il sipario sul rilancio e il rinnovo totale della sua famiglia desktop, il Mac Pro. Un rilancio che ha preso forma con un clamoroso cilindro nero e lucido capace di lasciare in molti senza parole ed è stato già ribattezzato come “il fustino di birra più caro del mondo”. Del resto, per rivitalizzare uno dei mercato più in difficoltà nel mondo IT non si poeva fare scelte scontate e dopo anni di attesa grafici, videomaker, progettisti in 3D (tutti colro insomma che sul carro di Apple erano già ben posizionati anche in era pre-iPod)  hanno ora il tanto sospirato super Mac da tavolo.

Si parla infatti di un processore 12 Core con Ram a 1866Mhz ed una banda fino a 60GB/s, Thunderbolt 2, fino a 20Gbps, e 6 device collegati in cascata alla singola porta. Dual GPU di AMD con 4096 stream processor e supporto fino a 3 display 4K.

Qualcuno, nella scelta di una così esasperata forma cilindrica ha voluto vede anche un tentativo di esorcizzare uno dei pochi ma dolorosi flop di Jobs ovvero quel Mac G4 Cube che si dimostrò bello ma poco utilizzabile. Al di là di tutto perrò resta una scommessa molto interessante da seguire anche per capire come e se il mondo dei dektop ha ancora qualche carta da giocare e soprattutto se ha ancora importanti spazi per regalare margini interessanti al canale di vendita.

Un cilindro nero e lucido, ecco il nuovo Desktop secondo Apple

«Progettato intorno a un rivoluzionario core termico unificato – scrive la stessa Apple in un comunicato stampa -, il Mac Pro introduce un’architettura desktop pro completamente rinnovata e un design ottimizzato per le prestazioni, dentro e fuori. Con la prossima generazione di processori Xeon, due GPU di classe workstation, Thunderbolt 2, archiviazione flash basata su PCIe e memoria ECC ultrarapida, il nuovo Mac Pro racchiude in un case incredibilmente piccolo, alto appena 25 cm, un’incredibile quantità di potenza.”

«Il Mac Pro di prossima generazione è il Mac più radicale di sempre – ha poi rilanciato il vice presidente senior del marketing mondiale di Apple Philip Schiller -. Tutte queste prestazioni e capacità di espansione sono racchiuse in un nuovo design completamente riprogettato, che occupa un ottavo del volume del modello attuale e, soprattutto, sarà assemblato qui negli USA».

Al momento poche le informazioni sulla disponibilità e sul prezzo che si annuncia però abbastanza alto come da tradizione.

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente