Apple-Cisco, un'intesa per portare i device iOS in ambito aziendale | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Partnership di valore

Apple-Cisco, un’intesa per portare i device iOS in ambito aziendale

di Gianluigi Torchiani

02 Set 2015

Dall’alleanza a tutto campo tra le due multinazionali potrebbero arrivare in futuro anche opportunità per il canale

Apple ha un nuovo e potente alleato nella sua rinnovata strategia verso il mondo aziendale: si tratta di Cisco, con cui è stata appena annunciata una partnership direttamente da parte di Tim Cook e John Chambers, durante la conferenza annuale vendite della stessa Cisco. L’intesa si pone obiettivi particolarmente ambiziosi: l’idea è quello di offrire le massime performance agli utenti aziendali iOS, ottimizzando le reti Cisco per device e app IOS, integrando iPhone con gli ambienti enterprise Cisco e offrendo strumenti di collaboration su iPhone e i iPad.Tutti questi obiettivi, tecnologici e non solo, come si può facilmente intuire, non possono essere raggiunti senza una collaborazione intensa tra i due team aziendali.

Più nel dettaglio, per affrontare le sempre crescenti esigenze di infrastruttura aziendale, le reti Cisco e i dispositivi iOS saranno ottimizzati in modo da funzionare insieme in modo più efficiente e affidabile, con l’obiettivo di fornire agli utenti prestazioni ancora più elevate. Nelle reti Cisco, insomma, i dispositivi iOS avranno la priorità. Apple e Cisco stanno poi lavorando insieme per fare dell’iPhone uno strumento ideale di collaborazione di business negli ambienti voce e video di Cisco, con l’obiettivo di fornire ai dipendenti una perfetta esperienza tra iPhone e il loro telefono fisso. Infine, col supporto di Apple, Cisco fornirà esperienze ottimizzate per iOs sui suoi strumenti di collaboration mobili, cloud e on premise come Cisco Spark, Cisco Telepresence e Cisco WebEx, sempre per garantire un servizio fluido e “reinventare” il modo di fare meeting in azienda.

I device Apple, insomma, dopo essere sbarcati in modo ufficioso in ambito business, ovvero come effetto collaterale della popolarità “consumer”dell’iPhone e iPad, potrebbero diventare sempre più strumenti di lavoro ufficiali. Puntando a sostituire il vuoto lasciato da BlackBerry, ma anche per prevenire il possibile ritorno in forze di Microsoft (che vuole diffondere ulteriormente Surface e i suoi device Windows 10 in ambito enterprise) e il possibile ingresso in massa dei dispositivi Android (sinora frenati essenzialmente da ragioni legati alla sicurezza). Per Apple c’è poi la necessità di trovare un altro canale di vendita per i suoi iPad, in questo momento in forte difficoltà in ambito consumer. Già in questo senso andava la partnership stretta lo scorso anno con IBM. Cisco, d’altra parte, ha effettuato recentemente dei cambi al vertice proprio per trovare nuove possibilità di business e la partnership con la casa di Cupertino (da cui in futuro potrebbero arrivare anche nuovi prodotti ad hoc) sembra essere in questo senso un buon viatico.

John Chambers, Ceo di Cisco
Ed è anche evidente che una maggiore diffusione delle soluzioni Apple in ambito Cisco in ambito aziendale potrebbe necessitare in futuro di un coinvolgimento attivo da parte del canale di vendita, in particolare per l’integrazione delle soluzioni nei specifici contesti d’impresa. Per il momento ci sono da registrare le dichiarazioni dei due numeri uno, ovviamente entusiastiche: «iOs è la migliore piattaforma mobile del mondo e quasi ogni azienda della Fortune 500 e del Global 500 ha già messo iOs al centro della sua strategia mobile – ha dichiarato il Ceo di Apple, Tim Cook. -. iPhone e iPad sono diventati strumenti essenziali per chi lavora oggi e insieme a Cisco pensiamo di poter dare alle aziende strumenti per trarre il massimo da iOs e permettere ai dipendenti di diventare sempre più produttivi usando i device che già amano».

«Il 95% delle aziende della Fortune 500 usa le reti Cisco e la Cisco Collaboration per migliorare la produttività al lavoro – ha affermato John Chambers – . Con questa alleanza daremo ai clienti Apple e Cisco la capacità di estendere il sensazionale ambiente Cisco ai loro amati device iOs. I team di lavoro diventeranno sempre più produttivi ed efficienti».

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade