Al via Expo 2015, con al centro l'innovazione | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ExpoinnovationLab

Al via Expo 2015, con al centro l’innovazione

di Gianluigi Torchiani

01 Mag 2015

Le moderne tecnologie digitali costituiscono la spina dorsale della manifestazione. A cui partecipano anche 24 start up italiane

Dopo un processo durato quasi dieci anni (era il 2006 quando si propose la candidatura), ha preso il via ufficialmente oggi la prima edizione dell’Expo 2015 di Milano. Una manifestazione che ha al suo centro il tema dell’alimentazione ma che, come abbiamo già raccontato nei giorni scorsi, ha un legame strettissimo con l’innovazione.

Basti pensare che Enel, partner ufficiale dell’evento, ha fatto dell’area Expo una vera e propria smart city, dotata di tecnologie all’avanguardia che caratterizzeranno le città del futuro: dai più moderni sistemi per la gestione e il controllo della rete elettrica, la smart grid, fino ad arrivare agli impianti di accumulo dell’energia elettrica, alle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici e all’illuminazione pubblica intelligente ed efficiente. La smart grid, in particolare, è dotata di un sistema di telecontrollo e di protezione evoluto, capace di mettere in campo un esercizio della rete di media tensione ad anello chiuso che garantirà una qualità del servizio elevata, grazie a interventi automatici in grado di isolare il tratto di rete danneggiato da eventuali guasti senza disservizi per clienti e visitatori. Ogni padiglione ha poi a disposizione un sistema di Energy Management dedicato che rende partecipe il visitatore dell’utilizzo dell’energia e combina le più avanzate tecnologie in grado di: monitorare e controllare consumi e fabbisogno energetico, ottimizzare i flussi di energia e integrare gli impianti da fonte rinnovabile e i sistemi di accumulo.

Tutte soluzioni, insomma, che prefigurano un vasto utilizzo delle soluzioni Ict. Non a caso, oltre a Enel, figurano tra i partner tecnologici della manifestazione nomi del calibro di Telecom Italia, Cisco Sytems, Accenture, Samsung e società specializzate, come Banzai, Fabbrica Digitale, Best Union e tante altre. L’intera area di Expo 2015 è Open wi-fi e, più in generale, tutti i padiglioni sono dotati di tecnologie di ultima generazione. 

Le soluzioni IT, ovviamente, sono alla base anche delle applicazioni e dei siti che permettono ai visitatori di scoprire tutti i segreti dell’esposizione universale. A questo proposito Dynatrace ha confrontato le prestazioni di alcuni dei principali portali a cui faranno riferimento i turisti per cercare servizi a Milano in questi sei mesi di Expo 2015. In particolare l’analisi ha preso in esame due parametri: la disponibilità del sito web e il tempo di risposta rispetto alle richieste degli utenti. La buona notizia è che tutti i siti durante le tre settimane di monitoraggio effettuate da Dynatrace è stata registrata una disponibilità costante ed elevata, superiore al 90%, con picchi del 100% ottenuti in diverse giornate. Ai primi posti si posizionano HotelMilanoExpo e MyTable con una disponibilità rispettivamente del 99,70 e 99,79%. Sulle risposte rapide è ancora una volta My Table, il sistema online di ricerche e prenotazioni in tempo reale di tavoli al ristoranti, a occupare le prime posizioni. Con una media di 2.856 secondi svetta in cima alla classifica, seguito dall’Azienda Trasporti Milanesi – ATM con 3.205 secondi. Buone anche le prestazioni del sito del Teatro alla Scala, dove è possibile scoprire la stagione di eventi dedicati a Expo e prenotare i biglietti (tempo di riposta: 4.525 secondi) e il portale Expo in città, che raccoglie tutti gli appuntamenti, eventi culturali e iniziative che prenderanno vita in occasione di Expo (tempo di risposta: 5.336 secondi). HotelMilanoExpo e Turismo Milano si posizionano invece agli ultimi posti della classifica, andando ben oltre il confine suggerito dei sei secondi e registrando tempi di risposta rispettivamente di 9.529 e 10.311 secondi.

Infine, occorre citare la presenza a Expo 2015 di ben 24 start up italiane (qui l’elenco completo), attive nei settori Agrifood, life science, social innovation, industrial, smart cities, energy, environment. Sono state selezionate tra centinaia nel bando Startup per Expo, promosso da Regione Lombardia e Unioncamere e dedicato a startup guidate da imprenditori under 35. L’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo di nuove imprese che propongano al mercato idee originali, nuovi prodotti, nuovi servizi, nuovi modelli organizzativi e che contribuiscano a migliorare lo sviluppo sostenibile e stimolare la competizione tra progetti ad alto contenuto di conoscenza da presentare tra le eccellenze italiane durante Expo Milano 2015.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Al via Expo 2015, con al centro l’innovazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *