A Stanford si sperimentano le batterie del futuro: cellulari carichi in un minuto | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nuove tecnologie

A Stanford si sperimentano le batterie del futuro: cellulari carichi in un minuto

di Gianluigi Torchiani

07 Apr 2015

Il vantaggio è dato dall’utilizzo dell’alluminio al posto del litio, secondo una ricerca pubblicata dalla rivista Nature

Addio ai cellulari lasciati in carica per tutta la notte. In un futuro non molto lontano, infatti, le batterie per gli smartphone (ma anche quelle per i pc portatili) potrebbero essere caricate in appena un minuto, secondo quanto promette un progetto messo a punto dall’università californiana di Stanford e descritto sulla rivista Nature. Il vero vantaggio rispetto agli accumulatori di tipo tradizionale, che funzionano per mezzo del litio, è l’utilizzo dell’alluminio. Più precisamente, secondo quanto spiegato dal coordinatore della ricerca, il chimico Hongjie Dai. Il prototipo di batteria in alluminio costruito a Stanford ha l’elettrodo negativo fatto di alluminio (anodo) e quello positivo (catodo) fatto di grafite. I test condotti sinora sembrano essere promettenti: il prototipo ha sopportato 7.500 cicli di ricarica senza perdere potenza, mentre le normali batterie a ioni di litio cominciano ad avere performance minori dalla centesima ricarica. Inoltre, i ricercatori sono convinti che i nuovi accumulatori saranno meno costosi delle attuali batterie, visto che il prezzo dell’alluminio è inferiore a quello del litio, con vantaggi anche da un punto di vista ambientale.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade