A Natale aumentano gli attacchi del cybercrime | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Prevenzione

A Natale aumentano gli attacchi del cybercrime

di Gianluigi Torchiani

30 Nov 2015

Gli esperti di sicurezza di F-Secure avvertono: in questo periodo dell’anno i crimini informatici tendono ad crescere di numero

Sta per cominciare la stagione dello shopping natalizio e si stima che anche quest’anno gli acquisiti online giocheranno un ruolo importante per quanto riguarda la spesa degli utenti. Ma gli esperti di sicurezza di F-Secure avvertono anche che proprio questo particolare periodo può nascondere delle insidie, perché i criminali informatici diventano particolarmente attivi lanciando vere e proprie campagne di ransomware e malware. «I criminali sono là fuori per colpire le persone 365 giorni l’anno, ma gli attacchi diventano più frequenti durante la stagione natalizia perché molte più persone fanno shopping online – ha spiegato Sean Sullivan, Security Advisor di F-Secure -. Cyber Monday non è più o meno sicuro di qualsiasi altro giorno dell’anno, ma gli utenti dovrebbero sapere che visitare siti carichi di annunci pubblicitari potrebbe nascondere brutte sorprese».

Il ransomware è un software malevolo che blocca il computer dell’utente per poi richiedere un riscatto; i laboratori di F-Secure l’anno scorso hanno rilevato un decisivo incremento nel periodo che va da novembre a dicembre, con una crescita del 300% della famiglia di ransomware Browlock, ritenuta una delle 10 minacce maggiori nell’ultimo Report delle minacce di F-Secure. Browlock è un sottoinsieme di ransomware dove sui computer compare una schermata di blocco che pare arrivare dalla Polizia, mentre altri tipi di ransomware sono diversi come, per esempio, Cryptolocker che si basa su tecniche di crittografia per bloccare i contenuti come immagini e documenti. L’attività di Criptowall ha subito un calo lo scorso anno agli inizi di gennaio.

«Il ransomware della Polizia usa molta più automazione rispetto alle famiglie che attualmente crittografano i dati – ha aggiunto Sullivan -. Ma Cryptowall e famiglie simili hanno persone preposte a un vero e proprio servizio clienti per aiutare le vittime a effettuare i loro pagamenti: quelle persone andranno poi in vacanza come tutti noi».

F-Secure ha preparato una serie di utili consigli su come prevenire questo tipo di minacce: il primo è quello di navigare con un iPad o un qualsiasi altro dispositivo mobile perché i malware sono, per la maggior parte, progettati per infettare PC Windows, quindi, consultare le varie offerte online con un dispositivo mobile riduce quanto meno i rischi. Un altro consiglio è quello di utilizzare un PC protetto nel momento in cui si effettuano transazioni finanziarie; e ancora, è fondamentale che prima di andare a visitare un qualsiasi sito, occorre essere sicuri della pagina che si sta per andare ad aprire perché è proprio questo il modo più rapido per scaricare per sbaglio malware navigando su siti malevoli. Se si riesce a seguire questi pochi, ma utili consigli, è possibile fare i propri acquisiti online con una certa sicurezza.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade