Speciale GDPR, come prepararsi, la voce di Trend Micro - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Video

Speciale GDPR, come prepararsi, la voce di Trend Micro



In occasione dell’appuntamento #Ready4GDPR organizzato da Arrow ECS, Gastone Nencini, Country manager di Trend Micro, evidenzia come il canale dovrà cambiare il modo di approcciare il cliente per effetto della nuova normativa europea. Con Trend Micro chiamata a svolgere il ruolo di Security Advisor

di Redazione

30 Giu 2017


Come ci si può preparare adeguatamente al GDPR? La ricetta di un vendor importante del panorama sicurezza come Trend Micro, che ha partecipato al recente appuntamento #Ready4GDPR organizzato da Arrow ECS. Come racconta invece il Country manager Gastone Nencini, «Sicuramente per prepararsi al GDPR dal lato partner e canale, cioè da coloro che dovranno poi andare dal cliente finale a spiegare quello che c’è da fare, occorre iniziare a capire realmente come la normativa funziona. Quali sono i punti chiave da toccare con il cliente, evitando di parlare delle solite cose, cioè delle sanzioni e del furto. Piuttosto occorre mettere in evidenza che l’approccio al GDPR deve essere per forza di cose integrato e di processo, con un’analisi di tutti i dati presenti all’interno di una determinata azienda. Queste mosse sono veramente sostanziali per aiutare il cliente a essere compliant con quello che il GDPR richiede».

 

Il ruolo di Trend Micro sul GDPR

In questo scenario il ruolo di Trend Micro  può essere quello di security advisor, aiutando i partner ad accrescere in questa conoscenza anche attraverso il lavoro dei distributori come Arrow. Cercando dunque di trasferire queste informazioni sul canale e stare affianco ai partner per definire questi progetti di valutazione dei rischi all’interno delle aziende. E, naturalmente, offrire dei prodotti – così come il vendor già fa da tempo – assolutamente unici sul mercato, dal punto di vista dell’ampiezza e della copertura dei temi che l’introduzione del GDPR impone al mercato.