iPhone, in arrivo un modello pieghevole? | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Device

In un brevetto il primo iPhone pieghevole

di Paolo Longo

01 Dic 2017

La Mela ha ottenuto il via libera per la proprietà intellettuale di un dispositivo con schermo flessibile, molto simile a quello che dovrebbe essere il Galaxy X

Se il trend del 2017, nel settore mobile, è stato l’avvento dei display full vision con una porzione totale (o quasi) di touch, il 2018 potrebbe segnare la svolta verso la tecnologia flessibile. Già Samsung, che nel campo è pioniera grazie alla produzione di pannelli OLED morbidi, dovrebbe svelare il prossimo anno il suo Galaxy X, primo telefonino pieghevole della storia. In realtà già qualche settimana fa ZTE con Axon M aveva tentato la via della lungimirante soluzione ma seguendo una strada decisamente più semplice, che vede l’accostamento di due pannelli classici uniti da una cerniera.

Il Galaxy X di Samsung poggia invece su un concetto nuovo, in cui la parola flessibile corrisponde davvero a un touch & feel del genere. I diretti concorrenti non staranno a guardare, anzi tra tutti Apple sembra quella più pronta a rispondere con una contromossa simile. La compagnia di Cupertino ha infatti ottenuto dall’ufficio dello US Trademark Office, che assegna e gestisce i brevetti per i campi più svariati, il via libera per la costruzione di un dispositivo con form factor pieghevole. Per essere chiari, non è detto che si tratti di uno smartphone visto che non è specificato ma dietro potrebbe esservi un computer, un tablet, persino uno smartwatch. Altra nota: come spesso accade non tutti i brevetti sottoscritti dalle compagnie si trasformano poi in reali oggetti da immettere sul mercato.

 

Capita non di rado che le compagnie decidano di registrare una proprietà intellettuale per avere la certezza che il suo utilizzo rimanga al brand, anche se la realizzazione non è imminente e forse nemmeno considerata. Si tratta più di una strategia di marketing che altro, un assicurarsi i diritti di paternità nel caso di contenziosi futuri. Per questo, ad oggi non possiamo né considerare la nascita di un iPhone X (qui tutto su iPhone X prezzi, iPhone X caratteristiche, iPhone X uscita Italia) pieghevole né una sua primaria ipotesi, anche se con l’arrivo di Galaxy X, e un’eventuale buona risposta da parte dei consumatori, anche la Mela potrebbe decidersi a fare la sua mossa.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

In un brevetto il primo iPhone pieghevole

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *