Philips Momentum, un monitor per il mondo del gaming | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gaming

Ecco com’è il nuovo Philips Momentum

di Paolo Longo

02 Mag 2018

Arriva la prima linea di monitor dedicata al gaming via computer e console. Ha uno schermo da 43 pollici 4K HDR

Parte col botto la nuova linea di monitor di Philips dedicata al mondo dei videogiocatori. Si tratta di uno schermo con diagonale da ben 43 pollici con risoluzione 4K HDR, qualcosa che è difficile trovare nel contesto gaming. Il Momentum 436M6VBPAB ha in pratica le dimensioni di un televisore nato per fruire di contenuti videoludici tramite computer e console (Xbox o PS4 è indifferente) ma privo del tuner digitale. La sua destinazione d’uso è prettamente “passiva”, nel senso che ha necessità di una sorgente dati, fosse pure un PC, dal quale far partire giochi o film in streaming.

A livello tecnico, il monitor può arrivare alla luminosità di 1000 cd/m², ha una gamma cromatica con il 100 % di copertura BT.709 e 97.6 % DCI-P3 con un 1.07 miliardi di colori e profondità di colore di 8 bit + 2 bit FRC (Frame Rate Control). Inoltre è il primo del suo genere ad essere certificato con il nuovo standard VESA DisplayHDR 1000. Come è chiaro, si tratta di specifiche di spessore ma non da top di gamma, visto che Momentum raggiunge i 10 bit ma non “nativi” e manca del supporto al formato HFR anche se il prezzo suggerito di 799 euro è in linea con la categoria.

Non mancano tanti ingressi: HDMI 2.0, DisplayPort 1.2, mini DisplayPort e USB di Tipo-C e c’è pure l’audio DTS, un input lag ridotto e la tecnologia Ambiglow, lo stesso sistema di illuminazione che Philips adotta sui televisori con Ambilight. Seppur guardi con totale interesse al panorama gaming, con il Momentum 436M6VBPAB ci si può benissimo lavorare. Non a caso ha la modalità MultiView con cui visualizzare due sorgenti simultaneamente Picture-in-Picture o Picture-by-Picture, così da aumentare il multitasking con una visione più che ampia. Insomma un vero pannello tuttofare.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher