Software asset management: cosa cambia il cloud | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Approfondimenti

Come il cloud cambia la gestione degli asset software

di Redazione #Digital4Trade

06 Feb 2018

L’avvento della nuvola non significa affatto la fine delle necessità di una accorta politica di Software asset management. Se ne parlerà in un apposito webinar in programma il 14 febbraio

Più complessa è una realtà aziendale, più è probabile che abbia stipulato negli anni contratti con svariati vendor per l’acquisizione di pacchetti software. Buona parte di questi, probabilmente, sono utilizzati dai propri dipendenti e sono senz’altro fondamentali al regolare svolgimento del business. Ma, altrettanto probabilmente, ce ne sono tanti altri che sono praticamente inutilizzati, magari sconosciuti agli stessi responsabili dell’IT. Tutto questo comporta costi e perdite non da poco per le aziende interessate, tanto che da ormai da alcuni anni il termine Software asset management è uscito dalla nicchia per diventare una pratica corrente per tantissime realtà. A complicare questo quadro di per sé per nulla semplice ci si è messo uno dei trend tecnologici più importanti del momento, vale a dire l’avvento del cloud.

 

Perchè il cloud di per sè non basta

Che cambia l’utilizzo stesso del software in azienda, ormai sempre più erogato in modalità as a service e non più con i classici rinnovi annuali delle licenze. La nuvola, di per sé, non risolve però il problema dell’effettivo utilizzo del software: in effetti la modalità di erogazione “As a Service” risolve definitivamente un altro tipo di problema, quello della compliance, ovvero del rispetto dei termini di utilizzo del software con la tracciabilità delle licenze distribuite. Resta però a carico delle aziende comprendere l’effettivo impiego del proprio software cloud da parte dei propri dipendenti e collaboratori. Anzi considerando proprio che il fondamento del cloud è il modello del tipo pay per use, sarebbe veramente un peccato mortale trascurare questo aspetto. Altrimenti il vantaggio in termini di costi della nuvola rischia di rimanere soltanto sulla carta.

I benefici di una costante politica di Software asset management

Eppure, in buona parte delle aziende, a dispetto dell’avvento del cloud, la situazione rimane la stessa del passato: la conta dei software è infatti fatta spesso utilizzando soltanto fogli di calcolo o report cronologici statici, dunque non hanno una reale visibilità su “chi sta usando cosa”. Spesso si effettuano attività di verifica del software e del licensing solo in prossimità di un evento straordinario, un “compelling event” una tantum, come un rinnovo contrattuale oppure un audit del vendor. L’approccio a questa operazione in questi casi ha una ridotta durata temporale e gli stessi dati hanno un valore limitato in quanto divengono rapidamente obsoleti e quindi non attendibili. La realtà è che solo un approccio continuativo può abilitare attività di analisi approfondite che consentano di ottenere dei risparmi significativi sull’installato e di implementare nuovi e più efficaci processi di procurement. Eppure, secondo Gartner, una strategia consapevole di gestione del Software e dei processi ad esso correlati può portare a una riduzione fino al 30% della spesa sugli applicativi già a partire dal primo anno. L’importante è passare rapidamente a un processo di Software Asset Management basato su dati aggiornati, “ready to use”, e misurati quotidianamente specie per approcciare strategie di ottimizzazione e di riduzione dei costi.

 

Tutte le risposte in un webinar di Elmec

Gli stessi processi decisionali alla base dell’adozione di soluzioni in cloud richiedono dati approfonditi per adottare le opzioni o piani di sottoscrizione più idonei nonché le esatte quantità, specie partendo da quello che è l’effettivo utilizzo degli applicativi da parte degli utenti. Ovviamente le domande che le aziende interessate a intraprendere questo tipo di percorso possono essere numerose: in particolare, quali sono gli step seguire per gestire, monitorare e ottimizzare gli applicativi in azienda? Quali dati sul software è utile acquisire in vista di un audit o per prepararsi al GDPR? Come individuare ed abbattere i costi nascosti degli applicativi on premise e in cloud? Di tutto questo si parlerà in occasione di questo speciale webinar organizzato da Elmec, in collaborazione con Digital4, in cui saranno analizzati i diversi approcci che un’azienda può adottare nella gestione software, nonché i vantaggi garantiti dai Managed Licensing Services.

L’appuntamento con il webinar, completamente gratuito, è per il 14 febbraio 2018, dalle ore 14.30 alle 15.15. Per ulteriori informazioni e completare la registrazione è possibile consultare questo indirizzo.

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade