Cloud e IoT: quale sicurezza per sbarrare la strada a Botnet e cyberattacchi? | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Video on demand

Cloud e IoT: quale sicurezza per sbarrare la strada a Botnet e cyberattacchi?

di Gianluigi Torchiani

20 Feb 2017

Un webinar organizzao da Dgital4Trade in collaborazione con Fortinet ed Exclusive Networks ha permesso di fare il punto sulla migliore strategia da adottare in azienda in risposta alle nuove minacce

Server, storage ma anche televisori, sensori, videocamere. Sistemi di pagamento che, autonomamente si collegano al Web, comunicano fra loro e condividono file audio, video, voce in tempo reale. L’Internet of Things non è più soltanto un concetto teorico ma qualcosa di estremamente concreto, che sempre di più inizia a entrare nelle nostre case e uffici, ma persino nelle nostre vetture. Una rivoluzione che promette molteplici vantaggi per gli utenti finali, che hanno e avranno sempre di più la possibilità con pochi semplici click di gestire molteplici aspetti della propria esistenza. Tutto questo, però, pone anche serie sfide in ambito di sicurezza e privacy dei dati. Di tutto questo si è parlato in occasione di un apposito webinar organizzato da Digital4Trade, con la partecipazione di Exclusive Networks e Fortinet, intitolato: Cloud e IOT, quale sicurezza per sbarrare la strada ai cyber attacchi, che è possibile rivedere a questo link.

Il punto di partenza è stato l’intervento di Luca Bechelli, membro del Clusit, che ha messo in evidenza come il 2017 sia caratterizzato dall’esplosione del malware di tipo più comune, dunque meno evoluto, a testimonianza che il cybercrime non ha bisogno di ingegnarsi più di tanto per attaccare le aziende. Gli hacker sono profondamente diversi alla figura un po’ romantica idealizzato in passato, ora sono invece pronti anche a usare violenza fisica per raggiungere i propri scopi economici.

Emblematico è il caso di un hotel austriaco che è stato vittima recentemente di un attacco, che ha impedito ai clienti di rientrare nelle proprie camere. In Italia, d’altra parte, il caso Occhionero ha dimostrato – ancora una volta – quanto sia semplice penetrare nei sistemi informativi, con un malware che qualsiasi programmatore avrebbe potuto realizzare. Inoltre, le aziende devono necessariamente aprirsi a nuovi fenomeni come IoT e cloud, che per certi versi offrono anche agli attaccanti maggiori possibilità di successo, perché aumentano la superficie d’attacco a disposizione.

La risposta può risiedere in una protezione in grado di far dialogare tutte le componenti dell’ecosistema e che permetta di visualizzare le minacce in tempo reale: questo è il principio su cui si fonda la strategia del Security Fabric di Fortinet, un brand distribuito e supportato in Italia da Exclusive Networks, che in occasione del webinar è stata spiegata nel dettaglio.

 

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    20 Share
Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade