Brevi: i cash&carry trainano la crescita | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Distriboutique

Brevi: un 2017 di crescita grazie ai cash & carry

di Redazione

30 Gen 2018

Il distributore bergamasco ha messo a segno una crescita del fatturato del 7% rispetto all’anno precedente. Il merito è soprattutto della rete di punti vendita presenti sul territorio nazionale

Un 2017 da incorniciare per Brevi: il distributore bergamasco, nonostante il contesto di mercato non semplice (contrazione della numerica di settore, sviluppo del mercato on line, ingresso di competitor nel proprio spazio di mercato, ecc.) è riuscita a mettere a segno una crescita del fatturato del 7% rispetto all’anno precedente, per complessivi 170 milioni di euro. L’analisi in dettaglio del fatturato 2017 conferma il notebook e – più in generale l’area mobile – come categoria principale in termini di volumi di vendita (circa il 24% del totale, in significativa crescita rispetto all’anno prima). Crescono anche storage, software e – seppur in maniera più contenuta – monitor e stampanti; stabili networking e componentistica, in lieve calo il segmento desktop.

Il punto di forza del distributore si è confermato la sua rete di cash&carry, ben 28 store distribuiti sul territorio nazionale. Attraverso questo network, Brevi è in grado di rifornire una media di 850 clienti al giorno, per un totale di circa 13.000 rivenditori su base annua. Vale a dire una fetta maggioritaria dell’intero canale IT italiano. I segreti del successo di Brevi, oltre che nella fornitura di prodotti e soluzioni, risiedono in fattori qualitativi come la presenza sul territorio, il servizio fornito in loco e la relazione quotidiana con la propria clientela, un vero e proprio asset intangibile creato in anni di collaborazione. Brevi, naturalmente, non ha lesinato investimenti per la sua rete di store: nel 2017 i punti vendita di Ancona e Settimo Torinese sono stati trasferiti in nuove sedi, più moderne, capienti e funzionali, mentre attività di restyling sono state effettuate a Genova e Vicenza. I Cash&carry che sono stati anche teatro delle attività di formazione della Brevi Academy: più di 70 fra corsi, workshop e training organizzati nelle Aule Corsi di cui ormai tutti i punti vendita sono attrezzati e che mirano a supportare il business della clientela accrescendone il bagaglio di conoscenze e professionalità. La crescita di Brevi si è registrata anche sul fronte commerciale: nel 2017 sono stati stretti importanti accordi di partnership, in particolare di distribuzione diretta di Lenovo e Microsoft – per la gamma Windows OEM. Tutto questo ha permesso a Brevi di aggiudicarsi per il terzo anno consecutivo il titolo di “Distributore dell’Anno” nel sondaggio “Channel Watch” di CONTEXT, ottenendo ancora una volta il maggior numero di preferenze da parte dei votanti.

Brevi: un 2017 di crescita grazie ai cash & carry

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *