Al via il tour in tre tappe di Attiva Evolution | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Roadshow

Al via il tour di Attiva Evolution

di Redazione

04 Mag 2018

Si avvicina l’Attiva Evolution|be the change (on the road 2018), evento dedicato ai temi attuali dell’IT. Tre le città scelte: Milano (22 maggio), Roma (5 giugno) e Mestre (12 giugno).

Tutto pronto per la prima edizione dell’evento Attiva Evolution|be the change (on the road 2018) il 22 maggio a Milano, il 5 giugno a Roma e il 12 giugno a Mestre.

Si tratta di una serie di appuntamenti gratuiti sui temi attuali dell’IT, in particolare come affrontare il destino dei dati, impressioni e idee verso una corretta trasformazione digitale e uno scenario sulle tecnologie all’avanguardia. Secondo Attiva Evolution, distributore di prodotti informatici sia hardware che software, per essere promotori del cambiamento è necessario essere pronti all’ascolto.

  • Quali sono i problemi concreti che le aziende italiane devono affrontare per avere infrastrutture efficienti?
  • Quanto peserà sul loro business la mancata o insufficiente cura dei dati trattati?
  • Quanto può cambiare il destino di un’impresa se colta impreparata davanti ad un attacco di cybercrime e alla perdita delle informazioni?
  • Quanto determinate procedure possono avere un impatto negativo sulla crescita del proprio fatturato?

Parte da qui la volontà di creare un momento di confronto e dibattito sui temi caldi dell’IT. All’evento parteciperanno nomi importanti del settore, tra cui Paolo Martelli, Brand Manager di DJI Enterprise e Attiva Spa, Marco Lupi, Country Manager Italy di Lifesize e Vadim Comanescu, CEO di Syneto.

 

Lorenzo Zanotto, b.u. Sales Manager spiega le motivazioni che hanno portato all’evento: «Era da lungo tempo che pensavamo di organizzare un evento totalmente nostro. Crediamo che il momento sia maturo per intraprendere un percorso alternativo. L’obiettivo primario non è quello di mettere in mostra quello che facciamo, ma come lo facciamo. Vogliamo riportare al centro dell’interesse una discussione costruttiva utile a tutti gli operatori del settore.»

Per maggiori informazioni e completare l’iscrizione occorre consultare questa pagina.