Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

System integration

Prossima tappa Project Informatica, lungo il cammino degli Innovation Lab di HPE

di Redazione #Digital4Trade

30 Mar 2017

A pochi mesi dall’avvio, l’iniziativa tutta italiana all’insegna dell’innovazione riscuote ampi consensi e ripaga già chi come il system integrator lombardo ci ha creduto da subito

Innovazione, è la parola d’ordine rilanciata da ogni parte guardando alle strategie del futuro. Dalle grandi aziende alle piccole, dalle storiche a quelle più recenti, una sfida senza eccezioni e tutta da inquadrare, prima ancora di poter iniziare a tradurla in pratica. Quando inoltre un simile momento di transizione si combina con un passaggio storico a livello societario, entra in gioco un fattore di difficoltà in più. Questa, la situazione nella quale si è trovata HPE. Da protagonista del settore tuttavia, la risposta è stata all’altezza: Innovation Lab è infatti un modello creato in Italia con tutte le premesse di successo su larga scala. Una serie di vere e proprie fucine di servizi basate sulle tecnologie dell’azienda, intenzionata a recuperare il proprio valore originario di propulsore dell’innovazione. Appoggiata a demo center grazie alla stretta collaborazione con il canale, nei primi mesi l’iniziativa ha già coinvolto 15 system integrator e 4 Distributori. Solo la fase iniziale, per un progetto intenzionato a coprire l’intero territorio nazionale, al momento presente in nove regioni.

Gianluca Giacchetta, system engineer/presales consultant di Project Informatica

Una sfida da tradurre in opportunità

Per i partner chiamati in causa, prima di tutto un impegno in più di fronte a uno scenario già di per sè impegnativo. D’altra parte, una sfida da cogliere senza esitazioni per poterla tradurre in nuove opportunità. Messo da parte ogni eventuale timore, sotto la spinta di un marchio affidabile, Gruppo Project non ha esitato a voler far parte nel gruppo iniziale. Il system integrator lombardo Platinum Partner di HPE ormai da oltre 27 anni, si è subito reso disponibile ad accompagnare le aziende anche in questa nuova fase del percorso dettato dalla digital transformation «Siamo orgogliosi di aver aderito a questa iniziativa – sottolinea Gianluca Giacchetta, systems engineer/presales consultant di Project Informatica -. Grazie anche alle varie consociate del Gruppo Project dislocate in varie aree dell’Italia, questo ci consente di portare sul territorio tematiche come smart working, mobile security, gestione dei dati, datacenter trasformation, virtualizzazione CAD, proximity marketing, hybrid cloud, geolocalizzazione».

Insieme ad HPE l’azienda è cresciuta cercando da sempre di restare vicina agli imprenditori e alle loro concrete esigenze, offrendo soluzioni IT al servizio di aziende di qualsiasi dimensione. Grazie a una serie di acquisizioni e compartecipazioni, nel 2016 la società arrivata oggi alla denominazione Gruppo Project ha fatto registrare un volume d’affari di 200 milioni di euro, quasi la metà riconducibili alle prestazioni della capogruppo. Nel complesso, si parla di una forza lavoro ormai cresciuta a 250 persone. «Le molteplici certificazioni che manteniamo costantemente aggiornate e al passo con l’evoluzione delle soluzioni proposte da Hewlett Packard Enteprise – prosegue Giacchetta -, ci consentono di offrire servizi alle aziende su tutto il portfolio dell’offerta HPE».

 

Nel pieno di uno dei passaggi più delicati per le architetture IT di un’azienda, una garanzia del genere rappresenta un ulteriore fattore di sicurezza per gli utenti. Dando infatti per scontata la necessità di adottare il cloud, a prescindere dalla modalità e dai tempi, molto meno chiaro è il percorso da seguire. Raggiungere il traguardo finale di una infrastruttura per buona parte remota, risponde certamente ai requisiti di maggiore flessibilità e dinamicità. La strada migliore passa per una serie di tappe intermedie, con diversi livelli di modalità ibride. Un percorso particolarmente accidentato, per non dire pericoloso, in assenza dei partner in grado di aiutare a prendere le migliori decisioni su soluzioni e tempi.

«Grazie alle innumerevoli competenze e certificazioni dei maggiori vendor di mercato presenti all’interno delle aziende del Gruppo Project, siamo in grado di aiutare le imprese a individuare la configurazione più adatta alle proprie esigenze – rilancia Giacchetta -. Oltre a permetterci di portare la tecnologia HPE in prossimità del cliente, il modello Innovation Lab ci consente di presentare soluzioni costruite in ecosistema con i nostri principali partner, tra cui Microsoft, VMware , Veeam e altri ancora».

 

Tanti aspetti di un singolo progetto, da tradurre in pratica per gradi, una volta acquisite le relative competenze. Un ruolo dove il system integrato si conferma indispensabile. «Offriremo un calendario di iniziative finalizzate a portare i temi più di attualità. Inoltre, le aziende interessate ad approfondire tematiche specifiche, potranno fissare incontri con i nostri specialisti presenti nelle varie realtà del gruppo». Tra gli argomenti trattati, smart working, mobile security, business continuity e disaster recovery, data security, datacenter transformation, virtualizzazione CAD, proximity marketing, hybrid cloud, geolocalizzazione. La strategia HPE in materia di innovazione ha già le idee ben chiare sul dove arrivare. Oltre l’orizzonte del cloud infatti, si prospetta una nuova svolta, nella quale anche Gruppo Project intende confermare il proprio ruolo da protagonista.

 

«Siamo convinti che questa iniziativa possa agevolarci nel percorso per supportare le aziende nel lungo cammino verso la digital trasformation – conclude Giacchetta -. Tutte le azioni presentate sono collocabili nel contesto dell’Industry 4.0 e dell’IoT, per intercettare e sfruttare le agevolazioni proposte dal Governo in questi ambiti. Oggi la digital trasformation è un grosso abilitatore che dovrebbe portare l’azienda a riconsiderare il proprio modello di business e di prodotto, permettendole di essere ancora più competitiva ed evolvere rapidamente in un mondo che cambia a forte velocità».

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    51 Share
Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade