#VeeamON «Backup e servizi così il canale sbarca tra le nuvole», VIDEO | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

#VeeamON «Backup e servizi così il canale sbarca tra le nuvole», VIDEO

di Marco Maria Lorusso

27 Ott 2015

Intervista esclusiva con il numero uno mondiale della multinazionale che, in questi giorni, è qui a Las Vegas davanti a oltre 8mila tra partner e clienti finali. Annunciato un nuovo Portale per facilitare il percorso dei reseller verso il cloud. Segui la diretta su #Digital4Veeam

Oltre 1900 dipendenti, 9700 service provider che spingono una crescita del business cloud di oltre il 98% e qualcosa come 34mila partner che gestiscono 168mila clienti… «Siamo solo una parte del tutto… ma una parte importante, decisiva e il canale lo sa». Ratmir Timashev, modi semplici e tono schietto, di mestiere fa il numero uno mondiale di una società come Veeam Software, 8 anni di vita alle spalle, e una missione semplice quanto complessa: garantire la data availability nel datacenter. Una società che grazie ad una strategia 100% basata sul canale e a un’offerta software focalizzata sui ripristini ad alta velocità, nessuna perdita di dati, protezione comprovata, utilizzo ottimale dei dati e visibilità completa ha messo a segno un trend di crescita impressionante.

Un trend che è tutto nei numeri del VeemON in scena proprio in questi giorni qui a Las Vegas. L’evento mondiale che la multinazionale ha battezzato lo scorso anno sempre qui in Nevada davanti a circa 3000 tra clienti e partner e che, in un anno, ha più che raddoppiato i suoi numeri. Davanti a Timashev e ai suoi uomini oggi ci sono qui oltre 8mila persone che affollano oltre ogni capienza sessioni tecniche, commerciali e strategiche. Il motivo alla fine è semplice, al tempo del cloud e dell’IT che diventa servizio, la capacità di disporre di applicativi flessibili capaci di garantire la continuità del servizi e dei processi integrandosi con infrsatrutture virtuali (“Veeam deve oltre l’80% di vendite a soluzioni integrate in piattaforme VMware”) e cloud (vedi Microsoft Azure ecc…). «La soluzione è semplice – racconta Timashev – è solo una parte del datacenter, ma una parte strategica senza la quale si rischia di far saltare ogni equilibrio».

Innovazione e canale

Soluzioni attuali dunque, che rispondono a esigenze chiave per chi si trova a gestire infrastrutture IT al tempo dei social e del cloud. Soluzioni che passano solo e soltanto dalle mani di distributori e reseller prima di raggiungere un parco installato che spazia dal target storico delle PMI ad aziende di dimensioni sempre maggiori, cosi come spiega lo stesso Ceo della società «Il mondo enterprise è tra i nostri obiettivi principali per il prossimo futuro. Un trend inevitabile dato il successo delle nostre soluzioni e la loro crescente importanza. Le applicazioni critiche nel moderno datacenter sono ormai oltre il 90% e non è più possibile pensare a soluzioni di backup e continuità del servizio improvvisate».

Ma perchè un ruolo così strategico per la filiera indiretta, «Anche in questo caso non potrebbe essere altrimenti – racconta Timashev raggiunto in esclusiva qui a Las Vegas -. Essendo noi una parte del datacenter, abbiamo poi la necessità di affidarci a chi ha la capacità di integrare al meglio la nostra offerta all’interno di una architettura che comprende server, networking… un ruolo che solo il canale può intrepretare». Fin dalla nostra nascita siamo stati 100% indiretti, ai reseller dobbiamo tutto.

Verso il cloud e i servizi

Non è un caso che proprio la prima giornata di lavori sia stata dedicata al canale e alla transizione di reseller e distributori verso il cloud e la vendita di servizi. «Sappiamo che l’industria sta cambiando, aumentano i budget in direzione del cloud e dei servizi. Il canale deve essere aiutato in una transizione decisiva perché le opportunità sono enormi per chi saprà offrire servizi come backup e disaster recovery, per fare un esempio, in maniera scalabile, sicura, flessibile, sfruttando proprio il cloud.

Diventare un fornitore di servizi però non è così facile – ha raccontato il manager -. In molti casi, ci sono un sacco di motivi validi per cui questo modello di business non è adottato. La mancanza di risorse, metodi di fatturazione, le infrastrutture e l’esperienza mancante…».

Nasce così l’annuncio del giorno, ovvero il Veeam Managed Backup Portal for Service Providers, un portale che punta a superare questi problemi fornendo una soluzione che può essere utilizzata per la fatturazione, la gestione, il monitoraggio remoto, senza il problema di una connessione VPN.

Veeam Backup Managed Portal per i Service Provider semplifica l’erogazione di servizi di backup Veeam e diventa così un potente facilitatore per tutti i rivenditori interessati a lanciare nel business come fornitore di servizi. «Grazie all’integrazione con Veeam Cloud Connect per i service provider – racconta ancora il Ceo della società -, oltre ad essere disponibile nel Marketplace di Microsoft Azure, Veeam Backup Managed Portal rappresenta un fenomenale abilitatore di business e un valore aggiunto concreto per i clienti»

Segui il live esclusivo di Digital4Trade da Las Vegas #Digital4Veeam 

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. #Sergente

#VeeamON «Backup e servizi così il canale sbarca tra le nuvole», VIDEO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *