#Sanremo 2017, IBM Watson e Big Data protagonisti «Cosi Gabbani ha beffato la Mannoia sul finale» | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Intelligenza artificiale

#Sanremo 2017, IBM Watson e Big Data protagonisti «Cosi Gabbani ha beffato la Mannoia sul finale»

di Gianluigi Torchiani

12 Feb 2017

Il supercomputer di IBM , analizzando il sentiment della rete, aveva pronosticato la vittoria della Mannoia. Ma aveva notato la rimonta del cantante vincitore nella serata finale

Chi entra Papa all’inizio del conclave esce cardinale. Un detto molto noto che può benissimo applicarsi anche al Festival di Sanremo, dove le previsioni della vigilia sono state spesso ribaltate nella decennale storia del festival della canzone italiana. Una conferma arriva anche dall’edizione 2017, con l’esito finale che è stato completamente diverso dalle aspettative, che vedevano del tutto favorita la cantante Fiorella Mannoia. Un vento a favore che ha tratto parzialmente in inganno persino Watson, il supercomputer di IBM, che lo scoro 11 febbraio, dopo aver analizzato oltre 220.000 documenti (ricavati dai canali social quali Twitter, Facebook, Forum, siti di review e News, Video e Blog) nel corso delle quattro serate del Festival di Sanremo, dava Mannoia vincitrice, secondo Bravi e al terzo posto Ermal Meta, in competizione con Elodie e Fabrizio Moro. Invece, il podio finale ha visto al primo posto Gabbani, al secondo la Mannoia e al terzo Ermal Meta. C’è da dire che, nella giornata di sabato, Watson aveva colto la rimonta di Gabbani, come testimonia un Tweet di IBM Italia, che rilevava il “forte battito” per il giovane cantante.

 

Watson aveva invece previsto con successo il vincitore di Sanremo Giovani, vale a dire Lele. Insomma il supercomputer che ha preso il nome dal fondatore di IBM, per il quale sono state sviluppate oltre 1.000 tecniche algoritmiche per la raccolta e la valutazione di dati strutturati e non, è parzialmente rimandato a Sanremo 2018. A conferma che per i Big Data applicati all’analisi degli interessi umani, come già evidenziato a Novembre con il successo di Trump, c’è ancora del lavoro da fare.

La sfida però è lanciata e la scommessa del Cognitive Computing sempre più al centro delle strategie dei colossi del mercao ICT.

Qui i risultati finali dell’analisi: ati finali : il più apprezzato dal pubblico femminile, per gli uomini alla pari con

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    114 Share
Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade