Samsung, 5G e sicurezza alla base della Next Mobile economy | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Samsung WOW Business Summit

Samung, 5 G e sicurezza alla base della Next Mobile economy

di Gianluigi Torchiani

26 Nov 2018

In occasione dell’evento annuale Samsung Wow la multinazionale sudcoreana ha evidenziato come la next mobile economy sia destinata a incrociarsi con il futuro avvento del 5 G

Nonostante la leadership mondiale nella vendita di smartphone, la strategia di Samsung nel mondo mobile va ben oltre la semplice commercializzazione di dispositivi. Come si è avuto conferma nel corso della terza edizione edizione italiana di Wow, l’evento dedicato alla Next mobile economy, la tattica della casa coreana è quella di inseguire i principali trend tecnologici correlati alla trasformazione digitale, fornendo al contempo servizi utili al mondo aziendale. Anche in un Paese come l’Italia dove, come ha messo in evidenza il presidente di Samsung Italia, Carlo Barlocco, la multinazionale è ormai presente da 27 anni. Con un occhio di riguardo, naturalmente, alla Next Mobile economy, che non significa soltanto nuovi smartphone ma, piuttosto, il cambiamento dei processi produttivi delle aziende.

 

Per effetto, ad esempio, dell’imminente avvento di tecnologie come il 5 G, su sui Samsung ha investito moltissimo: «Sul 5 G Samsung è una delle pochissime aziende a  possedere un reale know how, con accordi stretti con alcuni dei maggiori carrier a livello globale. Abbiamo investito e siamo pronti su questa innovazione, d’altronde la Corea del Sud è il mercato più avanzato al mondo per quanto riguarda il 5 G». I vantaggi del nuovo standard, dal punto di vista di Samsung, sono indiscutibili, a partire da maggiore velocità, minore latenza e capacità di connettere un numero infinito di device. Qualcosa, è facile da capire, che non interessa soltanto gli smartphone degli utenti consumer, ma anche un numero potenzialmente infinito di mercati. La bassissima latenza renderà possibile ad esempio la guida autonoma, che ha bisogno di tempi di risposta brevissimi. Ma anche sistemi notevolmente più complessi come treni, aerei e persino le città, rendendo finalmente possibile il sogno delle Smart city.

 

Samsung ritiene il 5G una tecnologia chiave per la digitalizzazione in ambiti puramente business, come le industrie e il retail, tanto che secondo Suk-Jea Hahn, Vice President Global Mobile B2B Samsung, sarà alla base dell’intera strategia del colosso sudcoreano per i prossimi 5 anni. Il vero punto di forza rispetto alla concorrenza, ha messo in evidenza, è che sul 5 G Samsung è in grado di mettere sul piatto un pannello completo di soluzioni: dispositivi, ma anche chip e network, fondamentali per far funzionare al meglio questa tecnologia in azienda.

Tutto questo renderà indispensabile un maggiore investimento nella sicurezza, dal momento che – come ha messo in evidenza Nick Dawson,Director of Global Mobile B2B Team, – il 5 G può dirsi come la tecnologia abilitante l’IoT su larga scala. La risposta di Samsung, da qualche anno a questa parte, si chiama Knox, una soluzione integrata nell’hardware dei dispositivi mobile della casa sudcoreana, nata con l’intenzione di creare “il dispositivo più sicuro al mondo”. Una sfida che Samsung ritiene di avere vinto, definendo Knox come la piattaforma più accreditata nella storia dell’industria, grazie proprio alla profonda integrazione hardware-software. Al grido di battaglia “non tutti gli Android sono uguali”, Samsung offre Knox anche in versione enterprise, con una serie di funzionalità aggiuntive che guardano alla capacità di gestione ma non solo.

«Che si tratti di sicurezza, di intelligenza artificiale o di next mobile economy Samsung cerca di offrire il proprio contributo, ma la singola azienda non è sufficiente ed è per questo che credo sia necessario un confronto continuo tra i rappresentanti del business, gli addetti ai lavori, la pubblica amministrazione e le istituzioni per accelerare il processo di trasformazione digitale necessario per garantire la competitività dell’intero sistema Paese», ha concluso Barlocco.

 

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Samung, 5 G e sicurezza alla base della Next Mobile economy

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *