Mobile Era, Itway spiega come affrontare la sfida della mobility | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

Mobile Era, Itway spiega come affrontare la sfida della mobility

di Gianluigi Torchiani

25 Nov 2015

Vendor, partner, esperti internazionali e non solo si sono confrontati nel corso dell’evento dedicato a questo tema, fortemente voluto dal distributore a valore, che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano

Si è svolta nei giorni scorsi a Milano la seconda edizione di MobileEra, l’appuntamento organizzato dal distributore a valore Itway. Un evento che ha visti riuniti per una giornata vendor, partner, esperti internazionali e visionari, che si sono confrontati su un tema di fondamentale importanza per l’IT come quello della mobility. Un tema che poi si declina concretamente in tanti diversi aspetti, come le nuove sfide che l’utilizzo del Cloud pubblico e ibrido pone alla sicurezza dei sistemi informativi aziendali, le modalità per gestire il fenomeno del Bring Your Own Device (BYOD) nella maniera più efficace e vantaggiosa,ecc.

Argomenti che sono stati trattati anche in maniera decisamente non convenzionale: l’edizione 2015 si è caratterizzata per la presenza di Fabio Zaffagnini, lo startupper romagnolo che la scorsa estate, facendosi promotore dell’iniziativa Rockin’ 1000, è riuscito nell’impresa di radunare 1.000 musicisti a suonare simultaneamente una canzone dei Foo Fighters, portando il gruppo a fissare una data italiana a Cesena. Partendo da un’idea, lavorando con grande passione e soprattutto, sfruttando appieno le potenzialità dei social media e del crowdfunding, ha dimostrato le potenzialità della nuova era della mobility. Oltre a Zaffagnini, nel corso della giornata sono intervenuti Alessandro Cecchetti, avvocato esperto in affari legali-informatici, Marta Valsecchi dell’Osservatorio Mobile Marketing del Politecnico di Milano e Giulio Murri di ABI Lab. Vi sono poi stati interventi da parte di rappresentanti di Array Networks, Extreme Networks, Check Point Software, Red Hat e Vidyo. All’evento hanno inoltre partecipato Solarwinds e gli esperti Vmware di Itway Academy. MobileEra ha anche potuto contare su una vasta area espositiva in cui gli oltre 200 partecipanti hanno potuto scambiare impressioni e opinioni con le società del Gruppo Itway e i partner tecnologici dell’azienda.

Soddisfazione per la riuscita dell’iniziativa è stata espressa a Digital4Trade da Cesare Valenti, Executive VP di Itway VAD : «L’evento è arrivato a un anno di distanza dalla precedente edizione e ci ha permesso di fare il punto su quello che è cambiato in dodici mesi, che è un lasso di tempo enorme per questi fenomeni. In questo senso abbiamo avuto una conferma dei trend che si erano già delineati lo scorso anno, in particolare delle principali tendenze che ruotano intorno al mondo della security, prima di tutte la sicurezza e la privacy, che sono dei fattori abilitanti alla mobility se trattati con la dovuta cautela. È poi cresciuto il fenomeno dell’Iot, che sta diventando sempre più integrato con le applicazioni di tipo business ed è sempre più articolato. Abbiamo avuto un feedback positivo sia per il numero di partecipanti che per la qualità degli interventi e dei temi trattati, che sono di grande importanza e valenza. Siamo insomma soddisfatti, per noi l’aspetto più importante è che questi contenuti possano trasformarsi in opportunità di business per i nostri partner».

In ambito mobility il ruolo del distributore è e resta fondamentale, come spiega ancora Valenti: «Come distributore a valore non ci limitiamo a presentare un’offerta avulsa dalle problematiche, ma ci proponiamo con un approccio integrato, che significa parlare di tecnologie che stanno dietro allo sviluppo di questo mercato nelle sue varie declinazioni. Parlando ad esempio degli aspetti legali e contrattualistici, di cui si deve tenere necessariamente conto, ma anche della formazione: intorno alla mobility stanno nascendo anche delle nuove figure professionali, come il cloud data protection officer, per cui abbiamo messo in piedi un percorso formativo che proponiamo al nostro canale». Che deve intraprendere con fiducia questo percorso, puntando anche sull’innovazione tecnologica. «I partner che lavorano in ambito mobility devono attrezzarsi con un approccio integrato tra soluzioni in parte on premise e in parte cloud, senza aver paura di vedere sminuito il loro ruolo, che rimane importante. Ci sono infatti molte opportunità nell’ambito della consulenza e dei servizi alle aziende», conclude il responsabile Itway.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade