#IoEtalks, come crescere digitali | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

#IoEtalks, come crescere digitali

di Gianluigi Torchiani

22 Giu 2015

L’evento organizzato da Cisco a Treviso è stato un’occasione per riflettere sulle trasformazioni che stanno interessando il panorama tecnologico

La prima tappa di #IoEtalks di CISCO Italia a Roncade si è svolta presso l’Auditorium all’interno di H-Farm – incubatore delle Startup sito in provincia di Treviso, lo scorso l 17 giugno 2015. A dare il via, è stato Agostino Santoni, CEO di Cisco Italia, cha illustrato perché si è scelto di partire proprio da Treviso per fare innovazione e quali sono i passi del “grande colosso” in questo nuovo mondo: mondo del Digital, della Collaboration, dello Sharing, dei Media e dell’Internet of (Every)Things. Cambiamenti che mutano il nostro modo di fare e di essere / diventare smart, approciandoci sempre più alla semplicità e al concetto del “less is more”. Successivamente la parola è passata David Bevilacqua, VP South Europe Cisco Italia, che ha aperto il suo speech con una domanda: “Quando Internet è entrato nella vostra vita?”. Un asalto indietro che ci permette di capire l’importanza di quello che abbiamo oggi: un cambiamento portato da Internet, dal Web, dalle connessioni. 20 anni di cambiamenti che ci sembrano ‘epocali’ ma non è nulla rispetto a quanto abbiamo vissuto negli ultimi 8 anni e a quanto vivremo nei prossimi cinque. Ha continuato Bevilacqua: “Oggi sono connessi meno dell’1% degli oggetti che possiamo connettere. Pensate a cosa ci aspetta!”.. Stiamo entrando del cuore di questa trasformazione che ora siamo soliti nominare Digital Transformation. Il bello di questo cambiamento è che tutti siamo protagonisti perché il risultato di ciò che otteniamo / otterremo, è dato dalla collaborazione di ognuno e dalla condivisione di tutti. Ci troviamo ad affrontare la 4a rivoluzione industriale. In un lasso di tempo, assolutamente ridotto rispetto alle precedenti. Una crescita enorme se si pensa che entro il 2020 arriveremo ad avere più dispositivi che persone connesse: 50 miliardi di device – circa 7 per persona.

Oggi, cominciamo a produrre (fenomeno in crescita) più dati rispetto allo spazio di archiviazione “il dato non vale nulla se non si trasforma in informazione” ha spiegato Bevilacqua nel suo speech. Persone, Processi, Dati, Cose tutti parte di un Intelligent Network. La rete diventa quindi la piattaforma intelligente per trasformare i dati in informazioni. 30 anni per arrivare al Mobile e 10 per arrivare all’IoT! L’Internet delle cose, non porta benefici solo solo all’utente ma anche e soprattutto alle aziende. Il cambiamento riguarda i processi; il cuore di ogni azienda. Si passa da una dimensione verticale a una orizzontale: non bisogna fermarsi alla raccolta dei dati, ai numeri, al cash – occorre cambiare l’organizzazione, i processi non solo in parte ma nella loro totalità. “Dobbiamo accelerare”, ha insistito Bevilacqua. Entro il 2027 il 75% delle aziende di oggi non esisterà più: stiamo arrivando all’industria 4.0 e a cavalcare l’onda è il manifatturiero. Dobbiamo velocizzarci “il passato è un patrimonio a cui dobbiamo guardare, ma non deve diventare un freno per il nostro futuro”.

Il testimone è poi passato a Carmine Stragapede, Direttore Generale di Intel Corporation, il quale ha cercato di spiegare il cambiamento così “da un’economia di possesso a un’economia di utilizzo”. Con l’IoT si può fare tutto. Cambia il modello della Sanità, dell’Energia, della mobilità e del Mobile, della Città, della Pubblica Amministrazione … ma tutti questi cambiamenti hanno effetto se dietro a tutto ciò, la bandiera è tenuta alta da un team. Il team assume importanza perché è l’insieme del know-how di ogni singolo individuo, è la condivisione di pensieri, l’insieme delle idee: solamente mettendo tutto in ‘comune’ si possono ottenere risultati eccellenti. L’evento #IoEtalks 2015 è poi terminato con le riflessioni semplici ma concise di Agostino Santoni, AD di Cisco Italia: “Abbiamo deciso di investire sull’Italia; non ci rivediamo l’anno prossimo, noi siamo qui! Invito tutti a pensare intensamente al fare e fare accadere cose; amiamo l’innovazione e per questo – in veste di Cisco Italia – affrontiamo con serenità e passione il cambiamento collaborando e creando partnership”. La prossima edizione di #IoEtalks sarà a Roma il 17 Novembre 2015.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

#IoEtalks, come crescere digitali

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *