Robotica: ecco tutte le opportunità | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tecnologia

Intelligenza Artificiale e robotica: perchè non ci ruberanno il lavoro e saranno un’opportunità

di Redazione #Digital4Trade

13 Lug 2017

La diffusione della robotica può tradursi in concrete opportunità per le imprese, ma è d’obbligo investire in formazione. Se ne parlerà in occasione di un apposito webinar promosso da Network Digital 360, in programma il prossimo 20 luglio

La robotica, le opportunità che offre, l’intelligenza artificiale, i robot da sempre affascinano l’uomo, come dimostra la sconfinata lista di libri e film dedicati a questo tema, spesso collocati in un lontano e per certi versi irrealistico futuro. Il punto è che, proprio in questi anni, quel futuro stiamo iniziando a viverlo, in particolare in ambito economico. Mai come oggi, infatti, i robot e le soluzioni per l’automazione stanno prendendo piede nelle nostre imprese e industrie, accelerando e migliorando i processi produttivi, ma anche scatenando non pochi interrogativi, come sempre capita nelle grandi rivoluzioni tecnologiche. La grande domanda, fondamentalmente, è se la diffusione della robotica porterà alla distruzione dei posti di lavoro tradizionali e in che modo sia possibile porvi rimedio.

 

La ricerca di Manpower Group, l’opportunità robotica

A fianco di molte riflessioni catastrofiche c’è da segnalare invece una recente ricerca di Manpower Group – dal titolo “Skills Revolution”, presentata al World Economic Forum 2017 di Davos, secondo cui invece la digitalizzazione e l’automazione del lavoro possono rappresentare un’opportunità. AL’indagine, condotta tra 18.000 datori di lavoro in 43 Paesi del mondo, affronta il tema dell’impatto della digitalizzazione sull’occupazione e dello sviluppo di nuove competenze dei lavoratori. I risultati rivelano che, a livello mondiale, oltre il 90% dei datori di lavoro intervistati prevede che la propria azienda verrà impattata dalla “quarta rivoluzione industriale” nei prossimi due anni, e che questo fattore influenzerà la caratterizzazione delle competenze dei lavoratori verso una sempre maggiore digitalizzazione, creatività, agilità e “learnability”, l’attitudine a rimanere costantemente aggiornati e a continuare ad imparare.

Formazione imprescindibile su Intelligenza artificiale e robotica

L’83% del campione intervistato ritiene che l’automatizzazione e la digitalizzazione del lavoro faranno crescere il totale dei posti di lavoro. Inoltre, si prevede che questi cambiamenti avranno un impatto positivo sull’aggiornamento delle competenze dei lavoratori, rispetto al quale i datori di lavoro prevedono di implementare specifici programmi formativi nel prossimo futuro. Tra i 43 Paesi oggetto dell’indagine, è l’Italia ad aspettarsi il maggior incremento di nuovi posti di lavoro grazie alla quarta rivoluzione industriale al netto di un “upskillng”, un aggiornamento delle competenze, con una creazione di nuovi posti di lavoro prevista tra il 31% ed il 40%. La formazione, insomma, è la parola magica per riuscire a governare questa gigantesca rivoluzione tecnologica e a non esserne travolti, grazie all’arrivo di nuove professionalità.

 

Lo speciale webinar sulla robotica

Le domande per le imprese, però non sono certo poche: Quali sono le principali iniziative da sviluppare per rivedere la propria People Strategy e diffondere una Digital Culture a tutti i livelli dell’azienda? Come cambia lo scenario del lavoro in fabbrica? Come e perchè l’Advanced Human-Machine Interface semplifica il rapporto con le “macchine”? Con quali passaggi l’Advanced Automation rende le macchine sempre più intelligenti e collaborative?

Di tutto questo se ne parlerà in occasione di un apposito evento promosso da NetworkDigital360, in cui interverranno alcuni dei maggiori esperti per rispondere alle domande del pubblico e offrire una guida per decifrare il fenomeno del momento. Il webinar, in programma in diretta streaming giovedì 20 luglio prevede infatti la partecipazione di Giovanni Miragliotta, Direttore dell’Osservatorio Industria 4.0/Smart Manufacturing, School of Management del Politecnico di Milano, e Emanuele Madini, Associate Partner e Smartworking Evangelist, Partners4Innovation. In questo modo sarà possibile realizzare una inedita mappatura completa di tutto il mercato dei Robot, delle nuove intelligenze digitali e del mondo del lavoro che cambia forma e dimensione.

Nel corso della diretta sarà commentato un caso reale di ABB attraverso la testimonianza diretta di Michele Pedretti, Business Development Manager Local BU Robotics, ABB. Il dibattito e gli instant poll in tempo reale saranno moderati da Marco Lorusso, Direttore Responsabile, Digital4Trade, e Mauro Bellini, Direttore Responsabile, Internet4Things con il contributo di Federica Meta, Redattore, CorCom, il cui articolo “Industria 4.0, contrordine: i robot creano lavoro” è stato selezionato dal MIUR come base per il saggio breve dedicato ai temi socio-economici sul rapporto nuove tecnologie e lavoro nell’Esame di Maturità 2017 ed è stato il più scelto dagli studenti.

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade

Intelligenza Artificiale e robotica: perchè non ci ruberanno il lavoro e saranno un’opportunità

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Roberto Gallerani says: 14 luglio 2017 alle 11:27

    I rapidi progressi delle tecnologie e della ricerca in genere sono indubbiamente un fattore di sviluppo e miglioramento. Tuttavia, come si legge anche nell’articolo, devono essere strettamente accompagnati da politiche globali (il mondo è sempre più simile a un “condominio”) di rinnovamento della formazione, della ricerca e di un equilibrato utilizzo dei profitti, preservando e riconoscendo certo il merito e l’iniziativa dei più capaci, ma senza determinare degli squilibri sociali a danno poi di tutti, visto il continuo restringimento dei confini del sistema mondo. Forse un giorno la moneta ultima sarà proprio costituita dalla conoscenza, dalla sua disponibilità e dalla capacità di generarla e trasformarla in cambiamenti utili e positivi per l’umanità.