«Così Office 365 diventa la svolta del cloud in Italia», la sfida di Centro Computer | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Eventi

«Così Office 365 diventa la svolta del cloud in Italia», la sfida di Centro Computer

di Marco Maria Lorusso

19 Apr 2016

Il system integrator cambia marcia sul cloud e sulle nuove comunicazioni grazie alla collaborazione con Microsoft e con un ecosistema di partner che vanno da un distributore come V-Valley a brand come Plantronics, Polycom e HPE. Vicenzi: «Le UCC sono la chiave di volta per il nostro business nei prossimi anni»

Roberto Vicenzi, Centro Computer

 

Un ecosistema, un nuovo universo in cui equilibri decennali vengono definitivamente messi in discussione in favore di nuove forme di collaborazione, relazioni… dove system integrator distributore, vendor diventano termini relativi che si integrano e si confrontano in maniera tattica. La filiera del cloud, ammesso che abbia ancora senso parlare di filiera (nella sua accezione più “tradizionale”) ha forme e dimensioni tutte da scoprire e sondare. Un’evoluzione non solo tecnologica, ma anche antropologica, che in questo 2016 prende forma sempre più plastica grazie ancora al lavoro e all’accelerazione di cui si stanno rendendo protagonisti operatori storici sul territorio come Centro Computer. In che modo? Sviluppando nuove competenze, team di vendita ad hoc, nuove collaborazioni ed incontri con le imprese come quello andato in scena la scorsa settimana a Milano. Circa 20 aziende di riferimento presenti presso la sede di GI Group in pieno centro, pochi fronzoli e un titolo emblematico: «E’ normale innovare con Office 365 e Skype for Business». «Le Unified communication e la collaboration attraverso il cloud stanno conoscendo una fase di evoluzione e trasformazione dirompente – racconta Roberto Vicenzi, Vice Presidente di Centro Computer -. Una trasformazione che vede proprio in Office 365 e in Skype for Business le due chiavi di volta, le soluzioni simbolo di un’opportunità importante che tutto il canale è chiamato oggi a cavalcare». Una sfida importante soprattutto in un mercato, come quello italiano, in cui l’approccio al cloud e ai sistemi di collaboration è stato spesso orientato verso soluzioni gratuite a cui si chiedono poi prestazioni e sicurezze enterprise. «Vero – racconta Vicenzi – la rivoluzione del cloud è partita dal basso e ha portato in azienda soluzioni gratuite con i quali manager e dipendenti si sono abituati a convivere nella loro esperienza quotidiana. Anche e soprattutto per questo, proprio con eventi come quello di oggi, abbiamo scelto un approccio totalmente pragmatico e volto al confronto e alla concretezza dei risultati. Sul cloud, sugli scenari e sul futuro abbiamo già detto molto, quasi tutto, ora serve capire come e perché devo “pagare” per soluzioni come Office365 o Skype for business. La risposta è nei vantaggi senza precedenti fatti di sicurezza, analytics, collaboration professionale in tempo reale, nella gestione flessibile e incredibilmente integrata di posta elettronica, video comunicazione, backup dei dati… Imprese e manager hanno necessità di toccare con mano queste soluzioni e di capire cosa vuol dire integrarle in azienda. Per farlo – continua il manager – servono linguaggi concreti ma anche approcci nuovi fatti di attenzione per il servizio, la soluzione completa, l’esperienza di utilizzo e non solo per il singolo prodotto. Facile da dire ma meno a farsi, per questo – continua Vicenzi – da tempo abbiamo costruito un team Cloud con figure tecniche e soprattutto sales ad hoc».

Proprio nel segno della concretezza è stata anche la presenza e l’intervento diretto di una società come GI Group che, oltre ad ospitare l’evento, è anche cliente di Centro Computer che tra i primi ha scelto di implementare al proprio interno le soluzioni Office 365 e Skype for Business. «Stiamo cambiando passo da tempo in direzione della collaboration evoluta – ha spiegato, nel corso dell’evento, direttamente Daniele Mangiavacca, Network & Infrastructure Manager di Gi Group e manager che ha seguito l’integrazione in azienda di Office365 e Skype for Business -. Oggi i nostri dipendenti devono avere la possibilità di comunicare con i colleghi in tempo reale e accedere a documenti Microsoft Office e modificarli, ovunque si trovino. Accedere ai sistemi aziendali di gestione delle relazioni con i clienti così come ai propri profili professionali sui social media è una normalità e tutto deve avvenire in maniera immediata e allo stesso tempo controllata».

L’ecosistema

Da una parte dunque le soluzioni, le strategie, i casi concreti e la tecnologia dall’altra come anticipato, l’ecosistema, il motore che alimenta la spinta di Centro Computer sul territorio. Un ecosistema nuovo e “multimediale” in cui un distributore a valore come V-Valley diventa hub, catalizzatore e integratore di una offerta multiprodotto. Proprio V-Valley infatti è dal 2016 il player di riferimento di un progetto come “Better Together” che intorno alla scommessa del cloud e delle UCC ha chiamato a raccolta l’infrastruttura di Hewlett Packard Enterprise, ovviamente la soluzione UC Microsoft in ambiente Skype for Business, i device di Plantronics e la videoconferenza di Polycom. Un hub del valore e della collaboration fatto di soluzioni e competenze che, proprio in eventi come quello organizzato da Centro Computer, vengono messi a disposizione del canale e dei clienti.

«Siamo orgogliosi di essere stati scelti da Hewlett Packard Enterprise, Microsoft, Plantronics e Polycom quale player di riferimento per questo progetto – aveva infatti spiegato Luca Casini, Direttore Commerciale di V-Valley nel giorno del varo di Better Together (nella foto) –. Il progetto – in linea con la mission 3.0 di V-Valley – si propone di affiancare alla vendita di soluzioni infrastrutturali anche la delivery  di soluzioni che semplificano e ampliano le modalità di comunicazione, collaborazione e lavoro all’interno delle aziende». Dalle parole ai fatti il passaggio è stato davvero molto breve e nei prossimi mesi sono in arrivo nuovi e decisivi incontri e iniziative.

 

 

 

[View the story “«Così Office 365 diventa la svolta del cloud in Italia», la sfida di Centro Computer ” on Storify]

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente