Microsoft Build 2019: strumenti per sviluppatori e incentivi agli ISV
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Microsoft Build 2019

Build 2019: nuovi strumenti per gli sviluppatori e incentivi per gli ISV



In occasione dell’evento annuale dedicato alla community dei suoi sviluppatori, Microsoft annuncia una serie di strumenti per chi crea applicazioni in ambito clod, IoT, AI e Blockchain

Maria Teresa Della Mura

08 Mag 2019


In occasione di Build 2019, l’evento annuale dedicato alla community degli sviluppatori, di cui abbiamo scritto in questi servizi, Microsoft ha annunciato una serie di strumenti, tecnologie e soluzioni che consentono loro di meglio indirizzare le richieste di un mercato in cerca di innovazione ed efficienza.
Un ruolo centrale quello assegnato dalla società agli sviluppatori, verso i quali lo stesso Ceo Satya Nadella assume un impregno preciso: “Microsoft si impegna a fornire agli sviluppatori strumenti e piattaforme affidabili che coprono ogni livello del moderno stack tecnologico per creare esperienze magiche che aprono nuove opportunità per tutti”.

Del resto, la stessa società sottolinea come negli ultimi dodici mesi i quasi 3.000 ISV che lavorano sulla piattaforma cloud Azure hanno generato un fatturato di oltre 5 miliardi di dollari ed è per loro che la società ha annunciato anche delle novità nei programmi di supporto al canale.

Verso il Channel as a Service

In particolare, per quanto riguarda il programma di co-selling di Microsoft, che estende l’attività della forza vendita di Microsoft all’ecosistema dei partner, inizialmente focalizzato sulla piattaforma Azure, oggi è esteso a Microsoft 365, Dynamics 365 e Power Platform, con l’obiettivo di dare nuova spinta alla vendita di applicazioni verticali.
Per quanto riguarda invece gli incentivi, a Microsoft Build 2019 è stata annunciata l’espansione degli incentivi ai partner che rivendono le soluzioni ISV attraverso il programma Cloud Solution Provider.
Con questa iniziativa di fatto gli ISV hanno a loro disposizione un vero e proprio “channel as a service”, come lo definisce la stessa Microsoft, che può consentire loro di accelerare l’acquisizione di nuovi clienti.
Infine, sempre per quanto riguarda le facilitazioni all’operatività dei partner, viene introdotta la possibilità di gestire transazioni seat-based, vale a dire per numero di postazioni, per le soluzioni SaaS in AppSource e Azure Marketplace, cosa che aiuterà ad accelerare la diffusione dei progetti innovativi dei partner in tutto il mondo.

Tutte le novità del Microsoft Build 2019 per gli sviluppatori

Non è tutto.
Nel novero degli annunci di Microsoft Build 2019 ci sono poi gli strumenti specifici a supporto dell’attività principale dei partner: lo sviluppo.
Delle soluzioni per il mondo IOT abbiamo scritto in questo articolo, mentre sulle novità per il mondo blockchain vi invitiamo alla lettura di questo articolo.
Quanto al resto dell’offering, Microsoft ha annunciato Graph Data Connect, che consente agli sviluppatori di utilizzare al meglio Graph, componente Microsoft 365 che consente di mappare le relazioni tra persone, informazioni e attività nell’ambito di un’organizzazione. Con Graph Data Connect, tramite Azure Data Factory, si possono raggruppare i dati di produttività da Microsoft Graph insieme ai propri dati commerciali.
Con Fluid Framework, invece, i team di sviluppo hanno a disposizione una piattaforma web-based per migliorare le attività di creazione condivisa.

Ulteriori novità sono state annunciate per Azure Kubernetes Service (AKS), in particolare Kubernetes Event-driven Autoscaling (KEDA), che supporta l’uso di container serverless event-driven su Kubernetes, e Azure Policy per AKS, che blocca eventuali violazioni che si verificano durante il runtime ed esegue valutazioni della conformità su tutti i cluster.
Nuove, infine, le funzionalità che guardano al mondo dell’AI, come l’opzione Hyperscale (Citus) in Azure Database per PostgreSQL chesi aggiunge a Azure SQL Database Hyperscale per consentire agli sviluppatori di creare applicazioni scalabili e a bassa latenza: questo significa espandere le risorse di elaborazione, archiviazione e memoria.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Build 2019: nuovi strumenti per gli sviluppatori e incentivi per gli ISV

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *