Marginalità e innovazione, Esprinet scommette sul mobile e acquista Celly | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Distriboutique

Marginalità e innovazione, Esprinet scommette sul mobile e acquista Celly

di Marco Maria Lorusso

06 Mag 2014

Ancora prima pagina per Esprinet che dopo la cessione di Monclick a Project mette ora a segno un colpo decisamente nelle sue corde “mettendo le mani” su Celly, distributore di riferimento nel mercato degli accessori legati alla telefonia mobile. Una mossa frutto della voglia di scommettere forte su aree ad alta marginalità e in grande crescita

E’ un anno di grande evoluzione per Esprinet, non c’è alcun dubbio. Il colosso dell distribuzione sta portando avanti una strategia di rilancio e di rinnovamento del proprio focus molto precisa ed effcace. Nelle scorse settimane l’annuncio, clamoroso, della cessione di Monclick a Project Informatica, nel solco di una maggiore focalizzazione sul mondo B2B e ora una mossa di grande importanza in direzione di uno dei mercati a più alto tasso di marginalità sul mercato, gli accessori mobile.

Esprinet entra infatti a far parte del capitale sociale di Celly, la società italiana conosciuta sul mercato per la distribuzione all’ingrosso di accessori per apparati di telefonia mobile, con una quota del 60%. Il controvalore complessino dell’operazione per Esprinet è pari a 7,944 milioni di euro, cui corrisponde una valutazione ante aumento di capitale per il 100% del capitale azionario pari a 13 milioni di euro.

“E’ una giornata importantissima per la nostra azienda – ha dichiarato Stefano Bonfanti, presidente di Celly – perché grazie a Esprinet potremo ulteriormente fare crescere il business degli accessori portando ancora più valore a tutti i nostri clienti, i nostri fornitori e i nostri dipendenti. Con l’impegno di tutti possiamo creare qualcosa di ancora più grande non solo in Italia, ma anche fuori dai confini nazionali”.

Celly è uno dei più importanti distributori di accessori per apparati mobili nel nostro Paese; nel 2013 il tasso di crescita rilevato da GfK relativo al settore retail è stato del +31% in valore e del +33% per numero di unità consegnate. Esprinet conta già una forte presenza nel campo della distribuzione di accessori prodotti da alcuni tra i vendor più importanti come Samsung e Apple (solo per citarne alcuni), ma non solo, anche tramite Nilox attraverso la distribuzione di prodotti “compatibili” a marchio proprio.

I canali di vendita dei prodotti a marchio Celly, oltre alla grande distribuzione organizzata, specializzata e generalista, includono eldom, negozi di telefonia, stazioni di servizio e molto altro ancora. Per la distribuzione in oltre 30 Paesi esteri (mercato che rappresenta circa il 25% delle vendite), Celly utilizza una rete di rivenditori e distributori esteri oltre alle proprie filiali estere; i marchi distribuiti, oltre naturalmente a Celly, sono Muvit e Twitch, Nokia, BlackBerry, LG, Sony, Alcatel, Motorola, NGM, Transcend e Samsung, oltre alla distribuzione di prodotti su licenza come Juventus, Napoli, Lamborghini e Sweet Years.

 “Esprinet ha un piano di investimento importante in settori ad alta marginalità – ha aggiunto Maurizio Rota, vice presidente e amministratore delegato del Gruppo Esprinet – e la significativa operazione appena annunciata conferma che il nostro Gruppo è unico nel panorama distributivo per le capacità marketing e commerciali, uniti a una efficienza fuori dal comune. Gli accessori per smartphone e tablet danno margine e sono molto richiesti. In più Nilox, la nostra marca di accessori sportivi, e Celly possono crescere molto lavorando insieme, per essere sempre più protagonisti oltre confine”.

Attraverso l’accordo con Celly, Esprinet acquista valore e conoscenza approfondita del mercato della telefonia con una clientela specializzata nel settore; l’unione di queste due importanti realtà sul mercato potrà solo accrescere il valore del Gruppo Esprinet rendendolo sempre più forte sul mercato.

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente