CleverMobile: la rivoluzione della mobility | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Distriboutique

CleverMobile: una distribuzione specialistica per vincere la sfida della mobility

di Gianluigi Torchiani

27 Set 2017

CleverMobile Distribution punta a specializzarsi in un mercato in cui il canale ha un forte bisogno di competenze specialistiche. Guardando soprattutto ai system integrator di grandi dimensioni

La distribuzione italiana e globale sta profondamente cambiando pelle, come abbiamo raccontato in occasione di Distriboutique e in tanti altri articoli. La tendenza prevalente, almeno in apparenza, sembra essere quella della concentrazione, come hanno dimostrato alcune clamorose operazioni. Ma in realtà, in alcune specifiche nicchie di mercato che hanno necessità di un elevato grado di competenza, c’è un bisogno di specialisti anche nella distribuzione. Lo dimostra la storia di CleverMobile Distribution, la divisione nata dall’esperienza di Clever Consulting che ha deciso di concentrarsi su un mercato decisamente particolare e appetibile, quello della mobility. O, meglio, sulle soluzioni che rendono effettivamente possibile la mobility in ambito aziendale.

La rivoluzione della mobility

La premessa da cui si è mossa questa avventura è che l’avvento della mobilità non è un fenomeno qualunque, ma un qualcosa che, in meno di dieci anni (dall’avvento del primo iPhone in poi) ha rotto gli schemi tradizionali di governance dell’IT, impattando non solo sul modo di lavorare dei professionisti ma anche vita nella stessa vita privata delle persone. Al centro c’è lo smartphone, un oggetto ha rapidamente sostituito una serie di asset fisici preesistenti, ma che va adeguatamente integrato nelle specifiche realtà aziendali. Un’operazione che non è uno scherzo, dal momento che pone una serie di problematiche di non poco conto in termini di sicurezza, privacy e compliance. Qui si innesta la sfida di CleverMobile, che punta a diventare un punto di riferimento per tutti i partner che vogliono occuparsi di mobilità. «Perché proprio la mobility? Perché le tecnologie che la compongono sono un game changer e sono in continua evoluzione. La nostra expertise può essere appetibile per il canale, che al momento riteniamo ancora un po’ impreparato per affrontare questa sfida», evidenzia Antonio Tonani, Managing Partner e fondatore di Clever.

I vendor a portafoglio

La sfida viene affrontata soprattutto con i vendor a portafoglio, che secondo CleverMobile, offrono soluzioni capaci di coprire almeno il 90% delle necessità dei clienti. Per il restante 10%, è facile da immaginare, il distributore si attrezzerà nel prossimo futuro con qualche altro ingresso a listino. Per il momento però i nomi sono estremamente importanti: quello più noto è MobileIron, uno dei pochi player globali di MDM rimasti sul mercato, poi per aspetti più specifici di sicurezza e non solo ci sono nomi come Accellion, Wandera, Titus e Globalscape. Tutti prodotti integrabili tra di loro e pronti a trovare – grazie al lavoro del distributore – il proprio spazio sul mercato nazionale della mobility, che sinora è stato dominato soprattutto da soluzioni basiche.

Antonio Serra, Sales & Marketing Director di CleverMobile Distribution

I servizi e le competenze a supporto

Oltre alle tecnologie in sé, CleverMobile vuole metterci qualcosa in più, frutto anche dell’esperienza pluriennale di Clever Consulting. «Vogliamo assicurare ai partner un supporto specialistico di eccellenza, non solo servizi di prevendita o supporto tecnico, ma piuttosto un vero e proprio contributo progettuale. Vogliamo avere una concentrazione specifica sulla mobilità, possiamo contare su diversi casi di successo in Italia e su delle practice di implementazione consistenti. Occorre infatti considerare che introdurre queste soluzioni in azienda in una maniera piuttosto che un’altra può garantire il successo o meno del progetto», evidenzia Antonio Tonani, Managing Partner e fondatore di Clever.

Le competenze vengono poi trasferite al canale attraverso un’apposita attività di training, formazione e certificazione. Per quanto riguarda i partner, tra l’altro, CleverMobile intende giocare questa sfida nella logica del “pochi ma buoni”, puntando soprattutto a coinvolgere i grandi system integrator. Chiamati a giocare una partita obbligata, perché come ha riassunto efficacemente Antonio Serra, Sales & Marketing Director di CleverMobile Distribution, «il mondo del mobile è adesso, o riuscite a coglierla adesso oppure rischiate di perdere un’opportunità, così come che è stato il cloud qualche tempo fa».

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    27 Share
Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade