Trimestre negativo per le stampanti nell'area Emea - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mercati

Trimestre negativo per le stampanti nell’area Emea



Il comparto arriva così a cinque trimestri consecutivi di decrescita. Ma l’Italia è in controtendenza, rilevano i dati di Context

Gianluigi Torchiani

21 Dic 2015


Un trimestre poco positivo per le vendite di stampanti nell’area Emea. È quanto mette in luce l’ultima analisi di Context, che ha fatto il punto sulle spedizioni in Europa, Medio Oriente e Africa nel terzo trimestre 2015. Il dato che emerge è quello di una caduta delle spedizioni del 7% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Un arretramento netto, anche se meno evidente rispetto al meno 12% del 2 ° trimestre 2015, che allunga a cinque trimestri di fila il periodo negativo delle stampanti nella regione. In realtà la crisi è meno netta nell’Europa occidentale, che segna un meno 5%.

L’Italia, in particolare, è del tutto in controtendenza, grazie alla forte performance delle stampanti multifunzione, tanto aver messo a segno una crescita del +7% nel terzo trimestre. Molto male, invece, Regno Unito (-14%), ma anche Paesi come Germania, Francia e Paesi Bassi, soprattutto a causa della contrazione delle vendite di dispositivi monofunzione. Più accentuato il calo delle altre regioni, come Europa orientale, centrale, Medio Oriente e Africa, con cali intorno al -11-12%, a causa delle fluttuazioni valutarie e al rallentamento economico complessivo. Il più vistoso calo è stato in Russia (-21%), il più grande mercato della regione Orientale.