Le sfide della compliance fra sicurezza IT e comportamenti delle persone | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Analisi

Le sfide della compliance fra sicurezza IT e comportamenti delle persone

di Redazione #Digital4Trade

19 Giu 2013

La conformità non riguarda solo la security informatica, ma anche le azioni di dipendenti e collaboratori. Utile adottare una visione di insieme tramite una dashboard che consente ai team IT di identificare i potenziali problemi a livello di traffico, configurazione e policy

Noi tutti speriamo che le nostre reti siano completamente protette, e che le procedure e policy implementate siano del tutto conformi alle normative che regolano i differenti settori. Purtroppo, questa speranza non sempre corrisponde alla realtà dei fatti.


Il 63% delle aziende infette da bot di cui non erano a conoscenza
La verità è che il panorama della sicurezza sta cambiando troppo velocemente perché le organizzazioni riescano a essere sempre e totalmente sicure contro ogni tipo di minaccia. Nel corso del 2012, abbiamo eseguito controlli approfonditi di sicurezza sulle reti di circa 900 organizzazioni di tutto il mondo, e abbiamo scoperto che il 63% erano infette da bot di cui non erano a conoscenza.

Tali bot comunicavano con i loro centri di controllo esterni almeno ogni due ore – sottraendo attivamente i dati provenienti dalle reti delle aziende infette.

Si tratta di aziende che già disponevano di più tecnologie di sicurezza – firewall, antivirus e così via – e nonostante ciò, sono state ugualmente infettate. Forse perché le loro soluzioni di sicurezza non sono state aggiornate regolarmente, o magari per una modifica apportata a livello di rete che ha introdotto una vulnerabilità non risolta. In molti casi, queste infezioni derivano da email di spear-phishing (ovvero che sembrano provenire da fonti affidabili), o da allegati infetti, indirizzate ai dipendenti.


Oltre la posta elettronica
Oltretutto, i problemi di sicurezza non erano solo confinati alle reti. Il 54% delle organizzazioni aveva riscontrato episodi di perdita di dati, a causa di email inviate per errore a un destinatario esterno, o di informazioni pubblicate erroneamente online.

Non sorprende quindi che lo scorso marzo la European Network and Information Security Agency (ENISA) abbia invocato un’azione urgente per contrastare i trend emergenti di attacco informatico tra cui lo spear-phishing.

Ma ENISA è andata oltre, raccomandando che istituzioni e imprese cerchino delle alternative alla posta elettronica, che proteggano meglio gli utenti da attacchi di spoofing o phishing – dando un forte segnale di riconoscimento che il compito di mantenere la sicurezza e la conformità della posta elettronica aziendale stava diventando un compito insormontabile per molte aziende.

A questo si aggiunge la recente pubblicazione della Cybersecurity Directive da parte della Commissione Europea, che estende in modo significativo l’obbligo di comunicare violazioni di dati. E’ facile capire come le organizzazioni si trovino ad affrontare in maniera crescente grattacapi di sicurezza e conformità.


La duplice sfida della compliance
La sfida della compliance è duplice. Come detto, la continua gestione della rete introduce cambiamenti quotidiani per i dispositivi e le topologie, e ogni modifica apportata, indipendentemente dalla sua entità, può influenzare la posizione dell’azienda rispetto alla conformità. Specialmente nelle organizzazioni che contano più sedi, dove può essere difficile per i team IT tener traccia di ciò che sta accadendo in ogni sito.

In secondo luogo, la conformità non riguarda solo l’IT, ma anche le azioni e i comportamenti delle persone – che sono inclini a cambiare altrettanto frequentemente rispetto alla rete, persino se i dipendenti ricevono una formazione regolare sull’uso appropriato delle risorse.

E poiché sempre più spesso le aziende sono chiamate a rispettare molteplici regimi normativi (gli studi dimostrano che le aziende Fortune 1000 sono soggette a oltre 30 differenti mandati normativi), l’implementazione di controlli e policy di sicurezza per rispondere a tali esigenze è diventata una sfida reale.

Ma questo è solo il primo passo verso la conformità. I sistemi devono anche essere monitorati o controllati regolarmente per garantirne la conformità, e presentare analisi di conformità per il reporting e l’auditing.

In che modo rispondono allora i responsabili IT aziendali a queste richieste  complesse e mutevoli, quando non dispongono delle risorse o del personale per controllare continuamente gli event log di sistema?


Rendere tutto automatico
Tenere il passo con tali requisiti significa disporre di un monitoraggio in tempo reale e automatizzato della rete, delle configurazioni dei prodotti di sicurezza e delle policy, oltre che dell’impatto dei cambiamenti sulla sicurezza dell’organizzazione e sulla posizione in termini di compliance.

Una visione da un’unica dashboard di rete consente ai team IT di tracciare e identificare i potenziali problemi a livello di traffico o connettività, e di evidenziare le aree a rischio per la sicurezza – come ad esempio la configurazione dei  vari firewall di rete, e quali politiche e regole di sicurezza sono attive su quelli dispositivi.

L’automazione può offrire ai team IT la visibilità e la capacità di risposta per affrontare rapidamente i problemi di rete prima che si presentino rischi seri.

Ma in che modo il team IT può conoscere il livello esatto di conformità in un momento specifico, con le rispettive normative del settore? Ecco dove i giusti strumenti di conformità possono fare davvero la differenza.

Oltre a offrire una gestione avanzata della rete e della sicurezza, uno strumento di compliance efficace dovrebbe essere in grado di valutare lo stato di gateway e dispositivi di sicurezza rispetto a una vasta casistica di best practice di sicurezza attuali, requisiti normativi e linee guida.

La soluzione dovrebbe quindi monitorare automaticamente le modifiche effettuate a livello di policy e configurazioni, avvisare il team IT sul possibile impatto di tali cambiamenti, e suggerire correzioni che consentono di mantenere la sicurezza e la conformità.

Pressoché altrettanto importante alla capacità di individuare e risolvere i problemi è la possibilità di documentare lo stato di sicurezza dell’organizzazione – per dimostrare la conformità all’amministrazione e ai revisori esterni.


Compliance, dalla rincorsa al controllo
L’automazione aiuta le organizzazioni a non dover “rincorrere” la compliance, ma piuttosto a ottenerne il controllo.

La soluzione adatta può aiutare i team IT a rilevare i potenziali problemi; può evidenziare le aree a rischio e lo stato attuale di conformità attraverso il confronto con best practice e le normative più rilevanti in vigore, oltre che attraverso raccomandazioni adeguate a livello di sicurezza e conformità per mantenere la sicurezza e la conformità. Così, se il cambiamento è inevitabile, il suo impatto sulla conformità e sulla sicurezza di un’organizzazione può essere minimizzato. 


*country manager Check Point Software

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade