Le scelte strategiche della PA in fatto di strumenti eco-compatibili | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le scelte strategiche della PA in fatto di strumenti eco-compatibili

di Redazione #Digital4Trade

13 Feb 2015

Uno studio condotto da Istat ha rivelato i dati relativi al consumo di carta che viene fatto nei Comuni italiani e quali sono state le scelte strategiche della Pubblica Amministrazione per quanto riguarda gli strumenti eco-compatibili utilizzati. Una soluzione per abbattere i costi e razionalizzare i flussi è proposta da TT Tecnosistemi

Istat ha svolto uno studio per conoscere le scelte strategiche della Pubblica Amministrazione in tema di strumenti innovativi di programmazione eco-compatibile e alcuni dati emersi relativi al consumo di carta nei Comuni italiani hanno evidenziato, per esempio, che ogni abitante a Firenze consuma circa 70 fogli, a Bologna 60, a Pisa il numero dei fogli scende a 56 per arrivare a 51 fogli a Prato.

Per analizzare la gestione “green Friendly” delle risme condotta dalle PA, Istat ha studiato le abitudini di 81 dei 116 capoluoghi che da fine dicembre 2013 hanno aderito al Patto dei sindaci che si sono impegnati a ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020.

Uno dei punti chiave è stato proprio quello legato al consumo di carta per abitante dove Siena è risultata con il consumo più alto, mentre Massa la provincia più virtuosa. L’impiego di carta riciclata ed eco-compatibile o non-eco-compatibile ha evidenziato che il 54% delle risme acquistate a Firenze è eco-compatibile, mentre a Livorno la percentuale è del 65% contro il 35% di fogli di carta riciclata, e a Prato il 44% della carta utilizzata dal Comune è eco-compatibile, mentre il 56% delle risme è riciclato.

Un esempio virtuoso legato a questo tema arriva da TT Tecnosistemi che ha pensato a una soluzione integrata di hardware, software e servizi in grado di ridurre i costi, ottimizzare tempi e flussi di lavoro per permettere ad aziende ed enti di progettare e sviluppare il proprio ambiente di stampa.

Con il progetto TT Print Intelligent TT Tecnosistemi propone una soluzione che consente alle aziende di analizzare, insieme al cliente, i volumi dei costi di stampa; in funzione delle necessità del cliente, TT Tecnosistemi propone un’offerta specifica che riguarda il rinnovo tecnologico del parco stampanti che prevede l’installazione di uno strumento di monitoraggio costi e il pagamento di un importo annuo omnicomprensivo.

TT Tecnosistemi si occuperà poi dell’analisi del software e dei consumi del cliente a distanza come, per esempio, l’invio di un avviso che segnala l’esaurimento del toner e si attiverà per spedire direttamente al cliente le cartucce delle stampanti generando evidenti risparmi in termini di tempo e di denaro.

Con la soluzione TT Print Intelligent è possibile aderire a programmi di compensazione a fronte del calcolo dei consumi di anidride carbonica generata dalle stampanti; inoltre, si può sostenere progetti “green” diventando sponsor di iniziative e programmi eco-sostenibili. TT Print Intelligent è una soluzione pensata per rispettare l’ambiente in cui si vive; infatti, sono 3.500 gli apparati già installati da TT Tecnosistemi, mentre sono oltre 10 milioni le pagine stampate al mese dai clienti TT che hanno deciso di utilizzare questo strumento in difesa dell’ambiente.

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade

Le scelte strategiche della PA in fatto di strumenti eco-compatibili

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *