Il Cloud in Italia cresce ma serve più alfabetizzazione - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ricerche

Il Cloud in Italia cresce ma serve più alfabetizzazione



Secondo una indagine realizzata in gennaio da Enter The Cloud, il 29% delle imprese italiane sta usando o prevede di utilizzare il Cloud computing nell’anno in corso.

Redazione #Digital4Trade

11 Feb 2013


L’indagine Cloud Survey 2013 – realizzata via e-mail a metà gennaio da Enter The Cloud su un campione di 1.000, tra CIO, CTO, system administrator, web designer e sviluppatori che lavorano come professionisti o dipendenti – conferma il 2012 come l’anno della “svolta Cloud” in Italia.

Secondo gli autori, nell’anno passato la nuvola ha incominciato a scrollarsi di dosso i panni pionieristici e sperimentali del 2011 per entrare più seriamente nelle strategie IT delle aziende.

Un ingresso in ogni caso molto cauto: il Cloud interessa solo il 29% degli intervistati, di cui il 22% ha già in uso servizi nella nuvola e il rimanente 7% li sta progettando. Per un significativo 43%, il Cloud non è nei piani di quest’anno; risposta che prevale nelle piccole realtà aziendali rispetto che nelle grandi, che appaiono più avanzate. 


Perché scegliere o non scegliere il Cloud
I motivi d’interesse si concentrano in Italia sulla possibilità di accedere a dati e applicazioni in remoto (56%). Anche il fattore di risparmio è ben rappresentato, con il 45% che lo valuta utile per ridurre i costi infrastrutturali e un 39% per comprimere i costi operativi. Esprimendo risposte multiple, il 44% dei rispondenti apprezza anche i fattori di flessibilità e scalabilità, mentre per il 20% conta la maggiore sicurezza rispetto al software on premise.

Proprio la sicurezza compare anche tra i fattori che sono d’ostacolo all’adozione del Cloud (49%), seguita dai problemi di rispetto della privacy (44%). Le problematiche di banda di rete spaventano il 40% dei rispondenti, mentre l’impreparazione sull’argomento è onestamente ammessa dal 29% dei rispondenti.


Una scarsa alfabetizzazione
Dalle risposte ottenute, Enter The Cloud rivela come ci siano opinioni diverse su cosa sia il Cloud. Per la maggior parte dei rispondenti (56%), Cloud è sinonimo di storage in rete, per altri soltanto una forma sofisticata di hosting o un mezzo usare servizi e-mail.

Secondo i realizzatori dell’indagine c’è in Italia un forte bisogno di alfabetizzazione. Il denaro investito dal 64% dei rispondenti che hanno o faranno iniziative riguardanti il Cloud non è cospicuo: non supererà in ogni caso il 5% del budget complessivo ICT.